Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Garmin TriO Sirmione: buona la prima


È stato un enorme successo di partecipazione e pubblico il primo Garmin TriO Sirmione. In una giornata molto calda con temperature che hanno superato i 35°, sono stati 600 gli atleti che hanno animato Sirmione e l'entroterra gardesano per una gara di triathlon su distanza olimpica che ha saputo mantenere le promesse della vigilia e corrispondere alle attese di tutti i partecipanti. Nella prova maschile fin dalle prime battute della frazione a nuoto, gli atleti più forti hanno imposto un ritmo in grado di fare immediatamente selezione. Alessandro Fabian, tra poco più di un mese al via dell'atteso evento olimpico londinese, è uscito per primo dall'acqua, portandosi in scia altri quattro triathleti di enorme valore, Giulio Molinari, Andrea D'Aquino, Ivan Risti e Csaba Rendes. La frazione in bicicletta ha ulteriormente scremato il gruppetto dei battistrada, con il solo D'Aquino caèace di sostenere l'andatura serrata di Fabian, già determinato alla vittoria. Lasciata la T2 e posate le bici, Fabian ha scoperto le carte, riuscendo in una lenta ma schiacciante progressione che lo ha portato a tagliare per primo il traguardo all'ombra del castello scaligero.

Nell'ordine, dopo di lui, hanno completato il podio un autorevole Andrea D'Aquino e il portacolori del Triathlon Cremona Stradivari Csaba Rendes.

Nella gara femminile invece i giochi per la medaglia d'oro sono stati chiari fin dalla frazione a nuoto. La giovane Veronica Signorini ha ridimensionato le ambizioni delle avversarie imponendosi già all'uscita dall'acqua con un vantaggio significativo. Alle sue spalle la seconda a salire in sella è stata Elisa Battistoni, seguita da un gruppetto folto guidato da Valentina Carta, Sara Tavecchio e Laura Pederzoli. La Signorini è stata capace di mantenere il distacco anche in bicicletta, conducendo una frazione magistrale a ritmo veramente alto. Molto bene sui pedali anche Elisa Battistoni, in grado di staccare le dirette inseguitrici e portarsi in T2 con un margine di sicurezza dal resto del gruppo. La frazione a piedi ha visto Signorini e Battistoni difendere la piazza conquistata e finire rispettivamente prima e seconda, mentre Laura Pederzoli capace di una rimonta notevolissima alla quale Carta e Tavecchio non hanno potuto replicare.