Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Il resoconto della Coppa Italia disputata ad Udine domenica 24 luglio


Pubblichiamo il resoconto del responsabile CIR Nord Est Massimo Galletti sulla prova di Coppa Italia e Prova del Circuito TriKids Nord Est Cup, disputati ad Udine domenica scorsa ed un breve bilancio della manifestazione nazionale giovanile, del responsabile Progetto Talento Fitri, Andrea Gabba

"Domenica 24 luglio i ragazzi della NORDEST CUP 2011 si sono ritrovati presso la splendida struttura sportiva del Palamostre situata proprio nel centro di Udine.

L'appuntamento era di quelli importanti , soprattutto per gli atleti delle categorie YOUTH che hanno potuto sfruttare la concomitanza con la tappa di COPPA ITALIA a loro riservata per confrontarsi coi pari eta' giunti da tutta la penisola.

La gara per queste categorie si è svolta nella inconsueta specialita' della cronometro, i ragazzi si sono dovuti cimentare per la prima volta in una gara del genere e per la prima volta hanno dovuto fare i conti con le norme che regolano le gare con scia ,dimostrandosi , con l'ammirazione di tanti, attentissimi a rispettare le distanze nella frazione ciclistica , e soprattutto sempre pronti ad adattarsi nel migliore dei modi , senza polemiche e senza fatica, alla tipologia di gara in cui sono stimolati a partecipare.

La vittoria nella categoria youth A,maschile, per quanto riguarda la Nordest Cup è andata al portacolori del Cus Udine Azzano Nicola, gradito ritorno di un triathleta di sicuro interesse futuro che già negli anni precedenti si era fatto notare per le sue performances di livello e solo da poco è ritornato ad affacciarsi alla triplice .Secondo Purzer Gianluca, il Brissinese ormai grande favorito per la vittoria finale terzo Rossi Matteo il ragazzino, al primo anno di categoria sta dando filo da torcere ai piu' esperti malgrado qualche imprecisione di troppo dovuta a inesperienza.

Le youth A femmine vedono sul gradino piu' alto Claudia De Santis che con una frazione di nuoto ad alti livelli fa subito capire a Caterina Moroni e Cecilia D'Aniello che dovranno faticare un bel po fra ciclismo e corsa per tentare di recuperarla, alla fine sara' la piu' giovane delle due riminesi a prevalere aggiudicandosi la seconda posizione. .

Negli youth B maschi Marco Corra' ha dimostrato di meritare tutti i complimenti e le aspettative che l'ambiente del triathlon gli sta riservando con una prestazione eccezionale ha addirittura vinto la tappa di Coppa Italia e di conseguenza anche la concomitante del circuito nordest, secondo Michelangelo Parmigiani che mette l'ennesimo sigillo ad una stagione che lo sta mettendo in mostra non solo nel nordest ma anche a livello nazionale come uno dei piu' interessanti ed emergenti giovani triathleti, terzo De Santis Fabio, atleta brissinese che scala posizioni nella classifica generale gara dopo gara.

Ancora dominio della premiata ditta Papais /Iogna Prat nella categoria Youh B femmine , le portacolori del Cus Udine anche quando, come in questo caso, non possono fare gioco di squadra in gara, vanno ad occupare costantemente le prime due posizioni della tappa nordest lasciando ad una ottima Lilli Gelmini il terzo gradino del podio.

Agguerritissime, soprattutto nelle transizioni le gare kids , come al solito se ne sono viste di tutti i colori quando la calma piatta ed il silenzio del pre gara ha dato spazio alle urla dei genitori ultras che se da un lato creano atmosfera dall'altro aumentano la tensione in gara dei piccolissimi che in certe situazioni vicino alla zona cambio sembrano un branco di gazzelle sotto la minaccia del leone......meno male che i sempre numerosi ed organizzati volontari del Cus Udine sono stati sempre pronti ad indirizzare e ad accompagnare i piu piccolini verso le giuste direzioni.

Anche in questa occasione , si sono comunque intravisti miniatleti di sicuro interesse futuro che hanno dimostrato una superiorita' ed un atletismo di gran lunga superiore a quello di alcuni atleti delle categorie superiori....Di essi, per correttezza e rispetto per la giovane eta' e la conseguente crescita sportiva , come al solito, non sara' fatto nome, compito dei tecnici farli rendere conto delle proprie potenzialita' guardando al futuro "in progressione."......con obiettivi adatti alla giovane anagrafica.

Guardando le classifiche NORDEST CUP 2011 quattro squadre si stanno contendendo la vittoria lottando punto a punto. Per il primo e secondo posto sembrerebbe che gli arancioni del Bressanonenuoto cerchino la fuga sui rosazzurro del TD Rimini incalzati a loro volta dai rossi della Alta Pusteria e dai bianconeri della Rari Nantes Marostica....sara' lotta dura fino alla finale!!!!

per tutti appuntamento a SERRAVALLE DI SAN MARINO il 21 Agosto 2011". (M.G.)

- Quali i principali contenuti scaturiti da questa prova di Coppa Italia?

Alla domanda risponde il responsabile del Progetto Talento Fitri, Andrea Gabba:

"Dopo le prove di Verbania (duathlon) e di Porto S.Elpidio (triathlon) questa terza tappa del circuito nazionale si è svolta per la prima volta sulla distanza "youth" (250-8-2) con formula a cronometro. Interessanti ed indicative le cifre della manifestazione con le oltre centoventi presenze di atleti in rappresentanza delle più importanti società d'Italia. Dopo aver percorso i duecentocinquanta metri di nuoto i ragazzi hanno pedalato per otto chilometri rispettando la regola del 'no draft' pena ammonizione e stop and go di trenta secondi da scontare in penalty box all'uscita della seconda zona cambio. Posata la bicicletta gli ultimi duemila metri dividevano i ragazzi dalla finish line momento in cui veniva rilevato il tempo finale della crono. La competizione si è svolta nel massimo rispetto delle regole grazie all'ottimo lavoro dei giudici e alla corretta interpretazione del no draft da parte degli atleti (nessun ammonito).

Nonostante la giornata fredda e di pioggia che ha penalizzato l'ottimo lavoro organizzativo del Cus Udine la manifestazione si è svolta nel migliore dei modi e ha fornito ai tecnici importanti segnali per la crescita dei nostri giovani più talentuosi e del movimento in generale.

I ragazzi per la prima volta si sono trovati a gestire da soli lo sforzo durante l'intero svolgimento della gara e anche la frazione ciclistica che in alcune circostanze diventa quella meno selettiva, ha fatto sì, che ai fini della classifica finale vi fossero alcune "gradite" sorprese, allargando così la rosa degli atleti in grado di vincere la classifica finale di Coppa Italia e soprattutto aumentando il numero dei giovani meritevoli di attenzione da parte dei tecnici federali. Da segnalare le ottime prove fatte registrare dai vincitori Angelica Olmo (Youth A femm) Alessio Salvemini (Youth A maschili) Sara Papais (Youth B femminili) Marco Corrà (youth B maschili)".