Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Fenomeno Gomez conquista l’Oro mondiale a Stoccolma, Ale Fabian torna protagonista è 8°!

images/area_tecnica_/stoccolma_wts/Stoccolma_Fabian_zona_cambio.jpg

 WTS Stoccolma oro a Gomez


Fenomeno Javier Gomez, dominatore della 8^ tappa di Campionato del Mondo di Triathlon disputata oggi a Stoccolma che conferma la sua leadership del ranking di WTS: lo spagnolo si aggiudica l’ennesimo Oro in una gara corsa da grande interprete del circuito, vincitore al traguardo con 45 secondi di vantaggio sul secondo classificato, il portoghese Joao Pereira medaglia d’argento, al suo primo podio WTS in questa stagione ed all’australiano Aaron Royle medaglia di bronzo, anche lui al suo primo podio 2015.

E' una giornata molto importante anche per Alessandro Fabian (C.S.Carabinieri) che torna ad essere protagonista della scena mondiale con un consistente 8° posto, a riprova che ‘capitano’ Fabian sta recuperando i suoi problemi fisici e si regala questo prestigioso piazzamento nella top ten, stesso risultato a Stoccolma conseguito nel 2012 dopo l’Olimpiade di Londra.

Gara indicativa per l’altro azzurro convocato Luca Facchinetti (Team Ravenna), che ha concluso in 27^ posizione, piazzamento che non rende merito alla performance dell’atleta: dopo un buon nuoto, non è riuscito purtroppo ad inserirsi nel gruppo dei 22 leader ed è rimasto tra gli inseguitori, con un distacco dalla testa della gara che è andato via via aumentando; impossibile quindi il recupero nella frazione podistica nonostante la sua positiva prestazione.

CRONACA:

La gara della tappa mondiale di Stoccolma è iniziata senza sorprese: nella prova di avvio il forte nuotatore sudafricano Schoeman ha condotto i 1500m ed è uscito primo dall’acqua, seguito dal francese Aurelien Raphael, l’australiano Royle, lo spagnolo Godoy, il francese Pujades ed Alessandro Fabian 6°; tra i favoriti della giornata, Gomez è uscito dal nuoto a circa 20’’ e Mario Mola più indietro a 30’’.

Anche Luca Facchinetti è uscito a circa 20 secondi, ma subito fuori dalla T1 è scivolato di posizioni e si è ritrovato nel gruppo degli inseguitori, in ‘buona compagnia’ con Mario Mola e Sven Rieder.

Dietro a loro ancora un ulteriore gruppo, in cui si è inserito l’altro dei favoriti, lo spagnolo Alarza.

Javier Gomez invece è riuscito ad agganciarsi nel gruppo di testa ed ha potuto così iniziare a lavorare per accrescere il divario ed assicurarsi una prova podistica tutta per sè.

Nel numeroso gruppo di testa, oltre a Gomez, in evidenza gli australiani Royle e Bailie, il sudafricano Schoeman, lo spagnolo Hernandez, il kiwi Sissons, il portoghese Pereira, il nostro Fabian, il francese Raphael, i russi Vasiliev e Bryukhankov….

Molto tecnica la gara ciclistica, con curve, salite e strappi: notevole il lavoro degli atleti nella frazione, dopo i primi 10km il distacco tra i due gruppi è aumentato a 45 secondi e man mano ha proseguito fino a 1 minuto e 20, divario fatto registrare a fine frazione ed impossibile da recuperare, questa volta, anche per veloci corridori come Mario Mola e Alarza per la conquista al podio.

Alessandro Fabian sempre ben saldo nel gruppo di testa ha controllato senza spendere troppo, nonostante fosse comunque una frazione molto impegnativa.

I 22 protagonisti, terminati i 9 giri del ciclismo sono entrati tutti insieme allungati nella T2: ad uscire per primi Zaferes (USA), Gomez, Raphael, Schoeman, gli australiani Royle e Bailie.. Alessandro 14° a 5 secondi dal primo.

Fuori dalla T2 è stato subito Gomez a dettare l’andatura: al suo fianco inizialmente Royle, Baily, Raphael , e Pereira. Gomez ha decide di rompere ulteriormente il gruppo di testa ed è vola via; al suo ritmo sono riusciti a stare dietro solo Pereira e Royle . Verso la fine del primo giro Gomez ha definitivamente allungato ed ha iniziato la sua corsa ‘in solitaria’ verso il primo gradino del podio. Per il secondo e terzo posto, è iniziato invece il lungo duello tra il portoghese e l’australiano; dietro, a provare ad insidiare i due, anche Schoeman e Bailie, ma poi non sono riusciti a mantenere il passo e si sono staccati.

Fabian, ha affrontato la sua gara in progressione, cercando i momenti giusti per risalire di posizioni, dovendo tra l’altro controllare il possibile arrivo degli spagnoli Mola ed Alarza che però non sono riusciti, nonostante la loro rimonta, a riprenderlo né ad andare oltre la 10^ posizione.

Il dominatore Gomez vola: 23 secondi di distacco in pochi chilometri nel primo giro e poi progressivo ed ulteriore inesorabile aumento del vantaggio, fino a portare a termine la sua 8^ tappa mondiale in assoluta ‘solitudine’ , facendo un vuoto dietro di sé. Alle sue spalle il portoghese Pereira, argento e terzo l’australiano Royle.

Completano la top 5, Schoeman 4° e Bailie 5°, mentre Alessandro Fabian con una gara muscolare e di grande carattere conquista l’8° posto che lo rilancia ai vertici del Triathlon mondiale e gli fa guadagnare punti importanti per il suo percorso verso Rio 2016.

Anche per Luca Facchinetti il 27° posto che gli fa prendere punti ‘utili’.

Ci voleva proprio questo risultato – dice soddisfatto Fabian appena conclusa la gara – venivo da un periodo particolare ed avevo bisogno di un piazzamento che mi restituisse fiducia. Ho gestito in modo ‘cattivo’, di attacco: il nuoto a Stoccolma è sempre strano, ci sono parecchie onde quindi non è stata una frazione facile, il ciclismo era molto duro, ho collaborato ma sono stato anche attento a risparmiare energie; nella corsa sono partito piano, ho preso parecchi secondi infatti nel primo giro, poi ho affrontato il resto del percorso in progressione con buone sensazioni che mi hanno fatto spingere più forte. Avrei potuto probabilmente fare anche di più, ma dopo un ciclismo così impegnativo temevo di spendere troppo ad inizio frazione”.

Per il DT Mario Miglio finalmente un risultato che rende merito all’azzurro: “Una trasferta positiva questa di Stoccolma, finalmente abbiamo visto il ‘ritorno’ di Fabian in top ten, è la conferma che quando Alessandro sta bene è tra i più forti; sono soddisfatto anche della prestazione di Luca Facchinetti che dimostra di migliorare e lo aspettiamo per un buon finale di stagione agonistica”.

 

PosFirst NameLast NameCountry TimeSwimT1BikeT2Run
1 Javier Gomez Noya ESP 01:49:33 00:19:40 00:00:47 00:59:12 00:00:29 00:29:28
2 Joao Pereira POR 01:50:18 00:19:30 00:01:01 00:00:00 00:00:00 00:00:00
3 Aaron Royle AUS 01:50:26 00:19:27 00:00:44 00:59:27 00:00:30 00:30:20
4 Henri Schoeman RSA 01:50:36 00:19:23 00:00:51 00:59:26 00:00:28 00:30:30
5 Ryan Bailie AUS 01:50:42 00:19:45 00:00:45 00:59:11 00:00:28 00:30:36
6 Ryan Sissons NZL 01:50:47 00:19:41 00:00:44 00:59:17 00:00:31 00:30:37
7 Vicente Hernandez ESP 01:50:53 00:19:36 00:00:46 00:59:16 00:00:31 00:30:46
8 Alessandro Fabian ITA 01:51:05 00:19:30 00:00:46 00:59:23 00:00:32 00:30:56
9 Aurelien Raphael FRA 01:51:11 00:19:25 00:00:51 00:59:23 00:00:29 00:31:05
10 Fernando Alarza ESP 01:51:13 00:20:20 00:00:46 00:59:54 00:00:31 00:29:44
27 Luca Facchinetti ITA 01:53:00 00:19:47 00:00:45 01:00:28 00:00:30 00:31:32

 

CLASSIFICA COMPLETA

 

ITU NEWS: Gomez adds Stockholm to list of WTS victories

 

Stoccolma fabian corsa