Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Alice Betto sfiora il podio mondiale ed è splendida 4^ a Londra! Fa la storia del triathlon azzurro femminile.

Mario Mola & Gwen Jorgensen Oro nella prova mondiale, nuovi protagonisti nella World Triathlon Series.Prestazioni azzurre: Charlotte Bonin 16^, Matthias Steinwandter 18°, Davide Uccellari 21°, Anna Maria Mazzetti 31^, Andrea Secchiero 34°, Alessandro Fabian 35° ed Elena Petrini 51^.
Gara Femminile (Londra, sabato 31 maggio)

Alice Betto (GS.Fiamme Oro) continua nella sua strepitosa stagione mondiale e conquista la 4^ posizione ai piedi del podio mondiale della tappa a Londra, migliorando di un posto il suo risultato di due settimane fa, 5^ a Yokohama. E aggiungendo, soprattutto, un nuovo tassello di storia del triathlon italiano in questo sabato di fine maggio. Prova di carattere la sua, è sembrata in cerca del podio fin dall’inizio della gara, bene nel nuoto e nel ciclismo, sempre tra le prime e protagonista portando l’Italia in evidenza.

Uscita velocissima dalla T2 per lanciarsi nell’ultima frazione a corsa, ha tenuto la testa nella prima parte di gara, poi è stata raggiunta  dalla neozelandese Nicky Samuels e dalla Jorghensen che, insieme alla Groff  hanno cambiato il passovolando via; dietro intanto anche l’australiana Emma Jackson, in progressione, è risalita riuscendo a catturare la terza posizione. Betto e Samuels hanno proseguito fino al traguardo, spalla a spalla, giungendo rispettivamente 4^ e 5^.

“Non ho pensato di subito di poter fare questo risultato – ci racconta Alice Betto al traguardo – mi sono accorta di poter rischiare e spingere dopo il ciclismo, in cui c’era stata collaborazione e dopo aver visto che accanto a me c’era la Samuels più ‘alla portata’. Oggi è stata una gara importante, non speravo di poter fare così bene anche in una distanza sprint, al momento mi sento più pronta in quella olimpica, un grande soddisfazione; a Yokohama avevo fatto un pensiero sul podio, ma qui a Londra ero venuta immaginandomi di poter essere tra le prime 10, 15 quindi è una sorpresa, a questo punto, dopo un 5° ed un 4° posto spero solo di poter fare ancora meglio!” ed anche il suo tecnico Simone Biava fa eco e conferma “….Obiettivo è migliorare sempre ed anche questi risultati storici!”

Ed ora, Alice Betto, dopo la prova mondiale a Londra, è risalita ulteriormente nel rank di WTS al 6° posto assoluto.

Altra soddisfazione arriva con la 16^ posizione di Charlotte Bonin, uscita dal nuoto a pochissimo dalla testa della gara, buon ciclismo e sempre ben controllato, una corsa che ha mostrato ancora una volta l'evidente miglioramento; Anna Maria Mazzetti ed Elena Maria Petrini, dopo un nuoto un po’ attardato sono rimaste purtroppo nel terzo gruppo delle inseguitrici ed hanno concluso rispettivamente 31^ e 51^.

Una giornata di gare importanti, sia per i risultati e prestazioni femminili, sia per quelli maschili, non solo per l’exploit di Alice Betto, ma anche per i segnali giunti da tutti gli altri atleti in gara, questo vuole sottolineare il DT Nazionale Mario Miglio: “Primo aspetto importante è che siamo venuti qui con 8 atleti di livello di World Triathlon Series, il secondo che ci sono stati tanti valori, dall’eccellenza di Alice, alle positive conferme di Bonin, all’ottimo Steinwandter ed un Uccellari che si ‘ritrova’ nel circuito mondiale, un Fabian che sebbene al di sotto di piazzamenti a cui è abituato sta procedendo, in costante miglioramento, nel suo personale percorso di ripresa, un Secchiero che è ‘stato in gara’ , Mazzetti e Petrini che stanno lavorando per trovare l’adeguato approccio, ma tutti comunque in un percorso che è solo all’inizio. Un inizio che ci sta offrendo  tante indicazioni, speranze e che ci sta già facendo vedere primi  i frutti del buon lavoro invernale svolto”.

Approfondimenti: http://www.triathlon.org/news/article/Jorgensen_finds_redemption_in_London

Elite Women Top 10

Pos First Name Last Name Country   Time Swim T1 Bike T2 Run
1 Gwen Jorgensen USA 00:54:44 00:08:57 00:00:44 00:28:25 00:00:30 00:16:10
2 Sarah Groff USA 00:55:12 00:08:59 00:00:41 00:28:25 00:00:30 00:16:39
3 Emma Jackson AUS 00:55:19 00:09:22 00:00:44 00:28:20 00:00:37 00:16:17
4 Alice Betto ITA 00:55:35 00:08:56 00:00:50 00:28:18 00:00:28 00:17:05
5 Nicky Samuels NZL 00:55:36 00:09:07 00:00:41 00:28:17 00:00:29 00:17:04
6 Andrea Hewitt NZL 00:55:39 00:09:21 00:00:42 00:28:23 00:00:33 00:16:43
7 Helen Jenkins GBR 00:55:39 00:09:07 00:00:51 00:28:27 00:00:36 00:16:40
8 Aileen Reid IRL 00:55:40 00:09:01 00:00:44 00:28:20 00:00:29 00:17:09
9 Rebecca Robisch GER 00:55:41 00:08:59 00:00:42 00:28:25 00:00:30 00:17:08
10 Vendula Frintova CZE 00:55:42 00:09:24 00:00:45 00:28:18 00:00:29 00:16:50

Le italiane in gara 
Pos First Name Last Name Country   Time Swim T1 Bike T2 Run
4 Alice Betto ITA 00:55:35 00:08:56 00:00:50 00:28:18 00:00:28 00:17:05
16 Charlotte Bonin ITA 00:56:02 00:09:14 00:00:44 00:28:28 00:00:31 00:17:06
31 Annamaria Mazzetti ITA 00:56:59 00:09:39 00:00:41 00:29:12 00:00:27 00:17:01
51 Elena Maria Petrini ITA 00:58:36 00:09:33 00:00:49 00:29:11 00:00:29 00:18:36
Foto Roberto Tamburri
Gara maschile (Londra 31 maggio)

Uno sprint tutto d’un fiato e di grande livello, che ha regalato al velocissimo Mario Mola, il suo primo Oro mondiale del massimo circuito  di WTS oggi a Londra, un oro conquistato nella solita incredibile corsa, frazione che dopo un nuoto ed un ciclismo che non hanno dettato severe selezioni, ha indicato il podio tra i primi 8 atleti che volavano verso il traguardo, appena usciti dalla T2, inizialmente tutti insieme in circa 40.

5 chilometri lunghissimi, quelli della frazione finale, che hanno visto  emergere negli ultimi 100metri un Richard Murrey ed un Mario Mola pronti ad infliggere agli avversari quel passo in più che gli altri non sono riusciti a mantenere. Così Mola ha sorpreso Murrey  vincendo il suo oro, in una stagione partita con le migliori promesse, il sudafricano ha conquistato l’argento e seconda medaglia consecutiva in WTS e l’altra sorpresa, Pereira, ben noto per la sua altrettanto potente corsa,  che ha superato gli altri big come i fratelli Brownee, Gomez , Bailie e Luiss, lasciandoli dietro ed assicurandosi la medaglia di bronzo. Mario Mola ora è 3° assoluto del rank parziale mondiale, dietro solo a Javier Gomez che guida e Jonathan Brownlee 2°.

Per i nostri azzurri, un ottimo Matthias Steinwandeter (CS.Carabinieri) che alla sua seconda gara nel circuito di Campionato del Mondo, si inserisce in classifica 18° tra i primi 20 – “mi sento a casa qui a Londra, ancora ricordo la soddisfazione del 5° posto nel mondiale under23 dell’anno scorso proprio qui, è un percorso che mi piace…”– dice al traguardo 'Stein'; buon rientro in World Triathlon Series anche per Davide Uccellari (GS.Fiamme Azzurre) , che ‘centra’ un indicativo 21° piazzamento dopo il periodo di fermo obbligato per infortunio. Poi Andrea Secchiero (GS. Fiamme Oro) 34° con un buon nuoto e ciclismo,  ed infine il 35° posto di Alessandro Fabian, che è sempre generoso protagonista nei due terzi di gara e con la corsa, sebbene in evidente miglioramento rispetto a due settimane fa, deve ritrovare i suoi livelli e ritmi che ripaghino il suo reale prestigio, dopo un inverno che lo ha tenuto fermo proprio in questa parte di preparazione.

APPROFONDIMENTI

http://www.triathlon.org/news/article/2014_world_triathlon_london_elite_mens_review

http://www.triathlon.org/results/result/2014_itu_world_triathlon_london/264325

Elite Men Top 10

Pos First Name Last Name Country   Time Swim T1 Bike T2 Run
1 Mario Mola ESP 00:49:46 00:08:39 00:00:41 00:25:42 00:00:29 00:14:18
2 Richard Murray RSA 00:49:47 00:08:55 00:00:38 00:25:28 00:00:28 00:14:20
3 Joao Pereira POR 00:49:49 00:08:39 00:00:42 00:25:41 00:00:29 00:14:19
4 Alistair Brownlee GBR 00:49:52 00:08:33 00:00:42 00:25:45 00:00:27 00:14:27
5 Jonathan Brownlee GBR 00:49:58 00:08:33 00:00:38 00:25:49 00:00:27 00:14:32
6 Javier Gomez Noya ESP 00:50:00 00:08:35 00:00:37 00:25:48 00:00:27 00:14:34
7 Ryan Bailie AUS 00:50:04 00:08:44 00:00:41 00:25:37 00:00:31 00:14:34
8 Joao Silva POR 00:50:14 00:08:35 00:00:46 00:25:43 00:00:28 00:14:44
9 Vincent Luis FRA 00:50:16 00:08:39 00:00:39 00:25:43 00:00:29 00:14:48
10 Sven Riederer SUI 00:50:17 00:08:45 00:00:44 00:25:33 00:00:28 00:14:49

I risultati degli Italiani in gara
18. Matthias Steinwandter  00.50.23
21. Davide Uccellari           00.50.28
34. Andrea Secchiero         00.50.50
35. Alessandro Fabian        00.50.52
Foto Roberto Tamburri
 

Foto Roberto Tamburri

Foto Roberto Tamburri