Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Campionati Europei Junior, i titoli individuali all'inglese Jonny Brownlee ed alla francese Emmie Charayron, bene l'azzurro Alex Ascenzi 4° ai piedi del podio.


La giornata di gare individuali dei Campionati Europei di Triathlon è iniziata con l'assegnazione dei titoli continentali junior, che sono stati vinti nella gara maschile dall'inglese Jonathan Brownlee ed in quella femminile dalla francese Emmie Charayron, confermandi i pronostici che li davano tra i favoriti.
Alle spalle del noecampione continentale - fratello minore dell'altro campione Alistair Brownlee - si è piazzato lo spagnolo Mario Mola, mentre terzo il russo Anton Kozlov. L'azzurro Alex Ascenzi, a soli 6 secondi di differenza, ha tagliato il traguardo 4°, mettendosi in evidenza per la sua gara di grande carattere e valenza tecnica: uscito attardato dall'acqua anche a causa di una partenza da una posizione difficile del pontone, è salito poi in bici avviando una frazione fantastica, tutta d'un fiato (" ho infilato le scarpe dopo 5km!" ha raccontato Ascenzi appena conclusa la gara, per far capire quanto abbia faticato e tirato per recuperare il gap iniziale...) ; Alex è così riuscito a riagganciare il gruppo leader e nella corsa , ha dovuto tenere il testa a testa con il veloce russo Kozlov, al quale è stato costretto poi a lasciare la terza posizione, probabilmente pagando lo scotto di un ciclismo durissimo, ma confermando comunque il suo indiscusso talento.
Bene anche per la prova del giovane esordiente in una campionato europeo, Davide Uccellari, 11°, che ha saputo recuperare con una energica e generosa frazione di corsa, piazzandosi alle spalle del russo Ygor Polyanskiy. "Sono molto soddisfatto delle due prestazioni di Ascenzi ed Uccellari, il primo ad un soffio dalla medaglia che sarebbe stata davvero meritata e comunque in evidenza con una gara bellissima, tecnica e coraggiosa; il secondo, perché ha dimostrato di avere margini di crescita importanti e con capacità individuali notevoli" - ha dichiarato il CT Attilio Boni al traguardo.
Meno bene invece per gli altri 'azzurrini' Luca Desideri e Andrea De Ponti giunti al traguardo rispettivamente 45° e 47°.
Nella gara femminile, oltre all'oro conquistato dalla francese Charayron, da segnalare la medaglia d'argento vinta dalla 'padrona di casa' l'olandese Rachel Klamer e quella di bronzo dell'inglese Vicky Graves. Le giovani italiane, Valentina Brambilla ed Alessia Orla, si sono piazzate rispettivamente 28^ e 33^.