Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Tokyo 2020, l’Italia raddoppia: clamoroso argento paralimpico per Anna Barbaro (guida Bonin) tra le PTVI

Un argento sensazionale! Dopo la clamorosa apertura con il terzo posto di Veronica Yoko Plebani, Anna Barbaro (Fiamme Azzurre), guidata Charlotte Bonin (Fiamme Azzurre), porta nuovamente sul podio paralimpico il Tricolore.

L’azzurra conquista una straordinaria medaglia d’argento a Tokyo 2020 nella categoria PTVI alla spalle della spagnola Susana Rodriguez con la guida Sara Loehr e davanti alla francese Annouck Curtillaz (guida Celine Bousrez), oggi di bronzo.

“Questa medaglia è per l’Italia, un’incoraggiamento e un segnale di reazione per tutta la mia nazione e per la Calabria - dice dopo il traguardo ai microfoni Rai l’argento paralimpico Anna Barbaro - il mio cuore è pieno di sentimenti: voglio dedicare questa medaglia a mio padre, al mio allenatore, al mio fidanzato, a tutti quelli che mi hanno seguita e soprattutto a me stessa. Grazie anche al mio cane Nora, che ha idealmente corso con me qui a Tokyo e mi ha spronata con il suo desiderio di libertà che mi trasmette quotidianamente. E adesso “Don’t stop me now” - aggiunge Anna - e dico a tutti di non avere paura di affrontare quello che sembra un grande mostro: se non ci riuscite da soli, chiedete aiuto, ci sono molte persone preparate disposte a darvi una mano”.

“Abbiamo lavorato davvero tantissimo, anche con il sostegno delle persone care che oggi ci hanno seguite da lontano - racconta la guida Charlotte Bonin - dopo due partecipazioni olimpiche, è arrivata la medaglia paralimpica che chiude il mio percorso. Anna mi ha permesso di salire sul podio ai Giochi Paralimpici, non potrei concludere la mia carriera in maniera più felice”.

 

“Una notte da sogno quella che ci ha accompagnato nella prima giornata di gare a Tokyo 2020 con il bronzo di Veronica Yoko Plebani e lo splendido argento di Anna Barbaro con la guida Charlotte Bonin - dice Riccardo Giubilei, presidente della Federazione Italiana Triathlon - è il coronamento di un percorso lungo e faticoso che ha visto le nostre ragazze conquistare una qualifica non scontata per poi essere protagoniste di una gara eccezionale dalla prima bracciata all’ultimo passo. Il triathlon italiano c’è e si conferma ai vertici del panorama mondiale, siamo davvero contenti di aver regalato la quattordicesima e la quindicesima medaglia all'Italia paralimpica - aggiunge Giubilei - al termine della prima giornata, bissiamo già il risultato di Rio 2016 in attesa della seconda giornata di gare: a Giovanni Achenza, Pier Alberto Buccoliero e Rita Cuccuru va il più sentito in bocca al lupo da parte della nostra splendida comunità che ha trepidato sino a notte fonde. Alle nostre ragazze e all’area tecnica che le ha seguite, un grandissimo ringraziamento da parte della Federazione che oggi è fiera nel vedere il tricolore che sventola sul podio dei Giochi Paralimpici di Tokyo 2020”.

“Nella prima giornata di gare il triathlon ci ha regalato delle emozioni incredibili. L’argento di Anna Barbaro e Charlotte Bonin e il bronzo di Veronica Yoko Plebani entrano di diritto nella storia di questa disciplina e del movimento paralimpico italiano. Vederle tagliare il traguardo con il sorriso e il tricolore in mano ci ha riempito di orgoglio e di felicità. Gare come queste ci fanno ricordare la bellezza dello sport paralimpico e la forza del suo messaggio. Complimenti alla FederTriathlon. Questi successi rappresentano il frutto dell’ottimo lavoro svolto. Ora facciamo il tifo per le prossime sfide sperando che da questa disciplina possano arrivare altre gioie”. È quanto dichiara Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

 

“È stata una mattinata incredibile - dice il Direttore Tecnico Mattia Cambi - abbiamo lavorato tanto per provare a raggiungere questi risultati con le ragazze e oggi abbiamo raccolto cinque anni di lavoro di squadra, di fatiche condivise tra atleti e staff tecnico. Sono davvero felice: può sembrare facile immaginare la felicità che ci sta travolgendo, ma quando si concretizza un traguardo così prestigioso ti rendi conto che è qualcosa di unico e speciale. Dobbiamo gioire per queste medaglie, ma rimanendo concentrati verso la seconda giornata: è una gara molto difficile, che lascia spazio a ribaltamenti di fronte, ma gli azzurri che gareggeranno domani avranno sicuramente una carica in più. Ringrazio la Federazione e chi nel quotidiano ci permette di svolgere ogni passaggio fondamentale al meglio - conclude Cambi - l’avvicinamento alla Paralimpiade è stato ottimale, qui a Tokyo abbiamo trascorso gli ultimi giorni nella massima serenità, finalizzando al meglio il grande lavoro svolto”.

 

La cronaca - Anna, guidata da Charlotte, fa siglare il terzo parziale nella frazione di nuoto ed esce dalla prima transizione alle spalle di Rodriguez e Tuomela, a 26 secondi dalla testa. Il tandem spagnolo prende saldamente il comando mentre si accende la sfida tra le azzurre e le avversarie canadesi: 9 secondi dopo il primo dei 4 giri della frazione ciclistica, 17 dopo il secondo, 21 dopo il terzo, 16 all’ingresso in T2. Rodriguez-Loher partono di gran carriera nella corsa e si involano verso il successo, mentre Barbaro-Bonin, autrici di un’eccellente transizione, e Tuomela-Hogan lottano per la piazza d’onore. Le azzurre sono scatenate e dopo un quarto della frazione di corsa, si sbarazzano delle rivali canadesi e si piazzano al secondo posto virtuale alle spalle delle inarrivabili spagnole. Con il passare dei chilometri, la medaglia diventa sempre più concreta: successo alle spagnole, Barbaro-Bonin difendono uno strepitoso secondo gradino del podio mentre al terzo posto risalgono le francesi Curtillaz-Bousrez.

 

Nella seconda giornata di gare (si comincia alle 23:30 italiane di sabato 28 agosto) saranno impegnati nella categoria PTWC gli azzurri Giovanni Achenza (Fiamme Azzurre), bronzo a Rio 2016, Pier Alberto Buccoliero (Firenze Triathlon) e Rita Cuccuru (Woman Triathlon Italia).

 

RISULTATI

 

PROGRAMMA (ora locale, in Italia - 7 ore)

Domenica 29 agosto
6:30 - 7:40: PTWC Uomini (Achenza, Buccoliero)
6:35 - 7:50: PTWC Donne (Cuccuru)
8:30 - 9:50: PTS5 Uomini
8:31 - 10:00: PTS5 Donne

Le gare di Paratriathlon saranno trasmesse in diretta tv sui canali Rai (Rai Due, Rai Sport) e disponibili in diretta e on demand sulla piattaforma Rai Play

 

START LIST

Percorso di gara

Guida per i media Giochi Paralimpici (CIP) - Il Paratriathlon

La pagina del Paratriathlon sul sito ufficiale di Tokyo 2020

 

 

Notizie correlate:
Veronica Yoko Plebani è medaglia di bronzo ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020
Giochi Paralimpici: sabato 28 e domenica 29 si assegnano le medaglie del Paratriathlon a Tokyo 2020
Giochi Paralimpici: oggi la cerimonia di apertura di Tokyo 2020. Diretta Rai 2 ore 13

 

(foto principale: Luca Pagliaricci/Bizzi Team/CIP)

 

GLI AZZURRI AI GIOCHI PARALIMPICI DI TOKYO 2020

GIOVANNI ACHENZA

Categoria: PTWC
Luogo, data di nascita: Ozieri (Ss), 31/07/1971
Società: G.S. Fiamme Azzurre
Allenatore: Mattia Cambi
Vive a: Cattolica
Pratica Triathlon dal: 2013
Hobby: riparare i mezzi che uso nell’attività sportiva
Idolo: Alex Zanardi
Esordio in Nazionale: 2009 nel ciclismo, 2013 nel triathlon
Partecipazioni paralimpiche: Rio 2016, medaglia di bronzo
Sogno nel cassetto: un’altra medaglia più lucente di quella di Rio
Tokyo 2020 è: un altro tassello sportivo

ACHENZA Giovanni 

PIER ALBERTO BUCCOLIERO

Categoria: PTWC
Luogo, data di nascita: Sava (Ta), 19/11/1987
Società: Firenze Triathlon
Allenatore: Luca Zenti
Vive a: Bellinzago
Pratica Triathlon dal: 2016
Hobby: sport di tutti i tipi, meccanica e tecnologia
Idolo: Pietro Mennea
Esordio in Nazionale: 2010, 2017 nel triathlon
Partecipazioni paralimpiche: esordiente
Sogno nel cassetto: non abbandonare mai lo sport paralimpico
Tokyo 2020 è: una grande conquista per me e per tutti quelli che ci credono veramente fino in fondo

 BUCCOLIERO Pier Alberto

RITA CUCCURU

Categoria: PTWC
Luogo, data di nascita: Aachen (Germania), 22/10/1977
Società: Woman Triathlon Italia
Allenatore: Mattia Cambi
Vive a: Maranello
Pratica Triathlon dal: 2014
Hobby: leggere manga
Idolo: nessuno in particolare
Esordio in Nazionale: 2014
Partecipazioni paralimpiche: esordiente
Sogno nel cassetto: i Giochi Paralimpici di Tokyo
Tokyo 2020 è: un sogno che si realizza

 CUCCURU Rita

VERONICA YOKO PLEBANI

Categoria: PTS2
Luogo, data di nascita: Gavardo (Bs), 01/03/1996
Società: 707
Allenatore: Antonio Serratore
Vive a: Bologna
Pratica Triathlon dal: 2017
Hobby: cucinare e tutte le attività a contatto con la natura
Idolo: Rita Cuccuru
Esordio in Nazionale: 2017
Partecipazioni paralimpiche: Sochi 2014 (snowboard), Rio 2016 (kayak)
Sogno nel cassetto: una medaglia paralimpica
Tokyo 2020 è: un altro sogno diventato realtà

 PLEBANI Veronica Yoko

ANNA BARBARO

Categoria: PTVI
Luogo, data di nascita: Melito di Porto Salvo (Rc), 27/03/1985
Società: G.S. Fiamme Azzurre
Allenatore: Diego De Francesco, Giuseppe Laface
Vive a: Reggio Calabria
Pratica Triathlon dal: 2015
Hobby: cucina, musica, informatica, yoga
Idolo: Pietro Mennea e Gino Bartali, Charlotte Bonin e Zlatan Ibrahimovic
Esordio in Nazionale: 19 giugno 2016
Partecipazioni paralimpiche: esordiente
Sogno nel cassetto: uno lo sto realizzando
Tokyo 2020 è: il completamento di un pezzo del disegno della mia vita con la realizzazione di uno dei tanti sogni

BARBARO Anna 

CHARLOTTE BONIN

Categoria: Guida di Anna Barbaro
Luogo, data di nascita: Aosta, 10/02/1987
Società: G.S. Fiamme Azzurre
Allenatore: Mario Miglio
Vive a: Aosta
Pratica Triathlon dal: 2002
Hobby: sci alpinismo, corsa in montagna con la mia cagnolina Peggy e il mio compagno
Idolo: Gregorio Paltrinieri, Federica Pellegrini
Esordio in Nazionale: 2003
Partecipazioni paralimpiche: esordiente (due partecipazioni olimpiche)
Sogno nel cassetto: realizzato con la partecipazione alle Olimpiadi e le Paralimpiadi
Tokyo 2020 è: la possibilità di assaporare l'atmosfera olimpica per la terza volta ma questa volta in “coppia”

BONIN Charlotte 

 

 

L’ITALIA ALLE PARALIMPIADI (2 argenti, 2 bronzi)

Tokyo 2020
PTS2 Donne: 3. Veronica Yoko Plebani
PTVI Donne: 2. Anna Barbaro (guida Charlotte Bonin)

Rio 2016
PT1 Uomini: 3. Giovanni Achenza
PT2 Uomini: 2. Michele Ferrarin; 9. Gianni Sasso