Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

World Paratriathlon Series Iseo, Romeo è bronzo. Achenza e Barbaro 4^. Plebani chiude 5^

images/2018/paratriathlon/gare_/iseo/GARA_ISEO/medium/ISEO2018_romeo_podio_WEB.jpg
Paratriathlon

Maurizio Romeo accompagnato dalla guida Ennio Salerno colora di uno splendido bronzo la World Paratriathlon Series d'Iseo nella categoria PTVI. L'atleta del B) Side, dopo i podi nelle World Cup di Devonport e di Eton Dorney di inizio stagione, conquista una prestigiosa medaglia di bronzo in World Series salendo sul podio dietro all'inglese Dave Ellis e allo spagnolo Hector Català Laparra. 

Per Giovanni Achenza (categoria PTVWC) è arrivato ai piedi del podio, quarto, subito dietro al duo olandese con il campionissimo Jetze Plat davanti al connazionale Geert Schipper e al britannico Joseph Townsend.

Stessa posizione per il duo Anna Barbaro (Woman Triathlon) e la nuova guida Laura Gatti che si sono dovute arrendere alla britannica Alison Patrick, alla spagnola Susana Rodriguez e ad Amy Dixon (USA).

La giovane Veronika Yoko Plebani (707) si classifica al 5° posto nella categoria PTS2 vinta dall'americana Allysa Seely davanti alla britannica Fran Brown ed all'altra americana Hailey Danz. Al quarto posto di categoria subito davanti all'azzurra un'altra americana Melissa Stockwell. 

Queste le parole del DT Mattia Cambi sulla giornata: "Gareggiare in Italia in un contesto unico e straordinario, una delle gare con più tifo che abbia visto negli ultimi anni andando in giro per il mondo. Gli organizzatori, la Federazione Italiana e l'ITU hanno fatto un ottimo lavoro, siamo stati felici di essere qua con quattro atleti di cui uno a podio. La categoria PTVI è molto competitiva ma sapevamo che con la coppia Romeo e Salerno potevamo giocarci le nostre chances e fare un piazzamento importante che è diventato realtà al taglio del traguardo. Giovanni Achenza si è classificato al quarto posto che può sembrare un podio mancato, ma sappiamo di essere lì, siamo molto vicini alla medaglia e stiamo lavorando a regime per arrivare in Australia per provare a riconquistare la medaglia. Veronica ha fatto un'ottima prestazione arrivando anche terza dopo la T2, nelle prime quattro ci sono state ben tre medaglie di Rio2016 e quindi il 5° posto ha un valore assoluto importante per lei e per il lavoro che stiamo facendo. Felicissimo anche per il 4° posto di Anna, era l'obiettivo odierno; è stata la prima volta di una gara da protagoniste assolute con le inseguitrici che le hanno raggiunte solo alla fine della frazione di ciclismo, questo è un segnale che sia Anna che noi stiamo crescendo e potremo dire la nostra anche in questa categoria.

"Sono contento della riuscita della manifestazione e di aver vissuto una World Paratriathlon Series in Italia qui ad Iseo - dice Luigi Bianchi Presidente FITRI -i ragazzi sono stati bravi nel regalare emozioni ai tanti tifosi presenti che non hanno fatto mancare il loro apporto e sostegno. Felice per la medaglia di Romeo e Salerno e delle prestazioni di tutti, a dimostrazione che lavorando nella direzione giusta".

LE DICHIARAZIONI DEGLI ATLETI

 

  

PosFirst NameLast NameYOBCountryStart 
Num
TimeSwim T1 Bike T2 Run 
1 Dave Ellis B3 1986  GBR 626 01:01:51 00:11:00 00:00:39 00:29:40 00:00:39 00:16:38
2 Héctor Catalá Laparra B2 1988  ESP 627 01:04:53 00:13:13 00:00:45 00:28:26 00:00:44 00:18:30
3 Maurizio Romeo B2 1979  ITA 630 01:05:59 00:13:00 00:00:45 00:30:05 00:00:39 00:18:14

CLASSIFICA COMPLETA PTVI UOMINI

CLASSIFICA PTVI DONNE

CLASSIFICA PTWC UOMINI 

CLASSIFICA PTS2 DONNE

 

VIDEO ITU GARA

VIDEO ITU PREMIAZIONI

 

news ITU: British paratriathletes claim four gold medals in Iseo

 

Fuochi d’artificio a Iseo per la World Paratriathlon Series: Romeo è bronzo per i colori azzurri 

A firma Eco Race l’appuntamento conferma la propria spettacolarità e si candida a essere una delle gare più belle e prestigiose di specialità del Vecchio Continente.

A Iseo si è giocata la seconda tappa di stagione della World Paratriathlon Series in una giornata ventosa che ha creato un forte movimento ondoso che ha messo a dura prova gli atleti. Nel cuore di questa iconica località lombarda i paratriathleti hanno dato prova di grandi condizioni tecniche nei 750 metri della frazione natatoria nella acque del Lago d’Iseo, cui hanno fatto seguito i 21 km di ciclismo distribuiti su tre lap da 7km ciascuno e i i 5km della frazione di corsa. Al via di questa tappa di Coppa del Mondo si sono presentati tutti i migliori specialisti e recenti vincitori internazionali per ciascuna delle categorie rappresentate.

I primi a partire dal pontone sono gli atleti della categoria PTWC con l’italiano Giovanni Achenza a recitare la parte dell’idolo di casa e a confrontarsi con un parterre veramente d’eccezione. Candidato alla vittoria è il forte olandese Plat, recente vincitore della prova di maggio di Yokoama e con lui anche le altre due medaglie della prima prova, l’altro olandese Schipper e il britannico Townsend, vincitrice dei Giochi del Commonwealth a Gold Coast. Plat ammazza la gara con una performance veramente impressionante che imprime un ritmo serratissimo e impone un gap importante tra se e gli avversari. All’inseguimento l’olandese Schipper non può nulla contro il volere dell’olandese. La terza piazza vede Acheza in lotta per tutta la gara con l’inglese Townsend e il giapponese Kimura capace di una buonissima e inaspettata prestazione. Se i primi due gradini del podio restano assegnati a Plat e Schipper, è proprio il bronzo a restare d’incerta assegnazione fino alle ultime battute di gara. Achenza subisce l’attacco deciso del britannico Townsend e resta fuori dai giochi di medaglia, ottenendo un quarto posto pur sempre di grande valore tecnico e testimonianza di una crescita continua di condizione.
Tra le donne della stessa categoria gli occhi sulla start line sono puntati sulla britannica Jade Jones e sulla giapponese Wakako Tsuchida, ma a mettere il sigillo sulla prova è l’australiana Lauren Parker, con la giapponese Tsuchida ad aggiudicarsi l’argento e la francese Mona Francis a completare il podio.

Per la categoria PTS2 tra gli uomini i favoriti di giornata sono l’inglese Andy Lewis, l’americano Mark Barr e Mohammed Lahna. La classifica vede però tagliare il traguardo per primo l’americano Barr seguito da Lahna.

Tra le donne della PTS2 Veronica Yoko Plebani è l’idolo di casa, a vedersela contro le favorite di giornata l'americana Allysa Seely e la connazionale, Hailey Danz, una delle nuove stelle del paratriathlon negli Stati Uniti. È proprio l’americana Seely a dettare le regole di giornata, con una prova autorevole che la porta imperiosamente sul gradino più alto del podio. La seguono nell’ordine la britannica Brown e l’altra americana Danz.

Ridotta la partecipazione nella categoria PTS3 con lo spagnolo Molina senza rivali che va a cogliere una vittoria annunciata fin dalla vigilia. Taylor per la Gran Bretagna chiude al secondo posto di giornata e il croato Bosnjacovich completa il podio.

Tra le donne la francese Elise Marc non ha rivali e replica la vittoria della tappa giapponese.

Tra gli uomini della categoria PTS4 è il russo Kolmakov ad avere la meglio sullo spagnolo Sanchez al termine di una lunga battaglia. Il bronzo è del giapponese Uda.

Nella medesima categoria femminile la lotta è tra l’australiana Sally Pillbeam e la russa Anna Plotnikova. È proprio la russa a far registrare la miglior prestazione di giornata e a obbligare l’australiana all’argento. Il bronzo va all’inglese Moore che chiude la propria fatica a circa due minuti dalle avversarie.

La categoria PTS5 è una di quelle con la starting list più accreditata per questa prova italiana. Il canadese Stefan Daniel, argento a Rio 2016, nella frazione ciclistica insegue l’inglese Peasgood insieme allo spagnolo Lopez a chiudere il primo terzetto. Sulla finish line Peasgood precede di circa una manciata di secondi il canadese Stefan Daniel e lo spagnolo coglie il bronzo.

Nelle donne accende subito la bagarre in acqua l’inglese Steadman, argento a Rio negli ultimi giochi paraolimpici, che mantiene la leadership fino sotto la finish line. La connazionale Cashmore centra il secondo posto ed obbliga la francese Lemoussu ad accontentarsi del terzo gradino del podio.

Nella categoria PTVI in campo maschile, il britannico Ellis fa gara solitaria e si porta sul traguardo con un vantaggio molto consistete sul team spagnolo di Hector Catala. Completa il podio con una grandissima rimonta l’italiano Maurizio Romeo che raccoglie l’applauso di tutta Iseo, interprete di una frazione podistica eccellente e che conferma la miglior condizione atletica di carriera.

Per le donne si annuncia una grande battaglia tra la spagnola Rodriguez, tre volte campionessa del mondo e l’inglese Alison Patrick. Ottimo nuoto anche per l’italiana Anna Barbaro. A termine gara è proprio la coppia inglese a far registrare la miglior prestazione di giornata. La spagnola Rodriguez deve cedere il passo e si veste d’argento. Il podio è completato dal team statunitense di Amy Dixon. In questa categoria Anna Barbaro regala all’Italia un buonissimo quarto posto.

(comunicato società organizzatrice)

 

 

ARRIVO ROMEO E SALERNO WEB ISEO 2018 

ISEO2018 ROMEO WEB

Foto Bardella 

ISEO2018 ACHENZA WEB

Foto Bardella 

ISEO2018 BARBARO WEB

Foto Bardella 

ISEO2018 YOKO WEB

Foto Bardella 

Gruppo Iseo2018