Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

AQUATHLON KIDS, YOUTH E PROMO DI BRINDISI

GRANDE SUCCESSO DELLA MANIFESTAZIONE DI BRINDISI- PUBBLICHIAMO LE CLASSIFICHE CON I PARZIALI DEI TEMPI SUL NUOTO
Inaspettato successo per la manifestazione di aquathlon organizzata dalla Junior Brindisi e dal Comitato Regionale domenica scorsa presso gli impianti comunali nella zona Santa Rosa di Brindisi. Oltre cento atleti si sono dati appuntamento noncuranti delle condizioni meteo che invitavano a una domenica mattina più orientata alla lettura che allo sport, ma i nostri triathleti ormai sono inarrestabili e l'occasione è stata ghiotta per cimentarsi in una prova atipica e comunque valida come tutte le altre ai fini del punteggio per il Trofeo Puglia 2014.

Dai più giovani ai più esperti tutti puntuali a scaldarsi nella bella piscina del complesso sportivo Fimco e puntuali le prime gare. poche volte si erano visti 70 giovani e giovanissimi tutti insieme e un segno di gratificazione si è visto sui volti di tutti, genitori, tecnici, addetti ai lavoro per una occasione di promozione del nostro sport con pochi eguali finora. Presenti tutte le società giovanili pugliesi e della Basilicata.
Undici Cuccioli nella prima gara divisi in tre batterie per nuotare il più velocemente possibile 25 metri che per alcuni rappresentano un battito di ciglia, ma per altri una vera avventura in alto mare. Bravissimi tutti a conquistare il bordo d'arrivo con tempi diversi, ma egualmente frutto di massimo impegno, a Rosalina Muci e Leonardo Rizzo diamo la palma di migliori nuotatori, ma mentre la prima riuscirà a contenere il ritorno delle avversarie nella prova di corsa e vincere la sua gara davanti a Carla e Paola Frizzale e Angela mauro, Rizzo sarà costretto a cedere alla corsa di più atleti e il migliore al termine delle due prove sarà il brindisino della Treti Simone Maggio davanti a Emanuele De Vitis e Francesco De Iaco.

Sette gli esordienti in gara sui 50 metri di nuoto e 400 metri di corsa. Nella prima frazione tra i maschi buoni tempi per Iacopo Marseglia e Angelo Lanzillotti mentre tra le donne è prima Erika Ciccolella. La corsa premia tra i maschi Marseglia che vince nettamente la gara su Lanzillotti, Massa e DiLeo, mentre Ciccolella prevale su Giulia Frizzale e Stefania Mauro.

Con la categoria ragazzi e ragazze cominciano gare di contenuto tecnico più interessante in prospettiva futura e quindi cresce l'interesse per tecnici e osservatori che diventano più attenti nell'osservazione delle tecniche e dei tempi. Tra le donne la prova di nuoto sui 100 metri premia Claudia Paladini della Junior Brindisi e Giulia Aliani del Team Matera che ottengono tempi di tutto rispetto, ma la prova di corsa modifica un pò l'ordine dei valori e Maddalena Mangiullo, col miglior tempo sugli 800 metri riesce a rimontare molte posizioni piazzandosi al secondo posto assoluto dietro una comunque brava Paladini che per pochi secondi rimane prima. Al terzo posto, con un'altra bella rimonta è Stella Bianchi della Meridiana Taranto che precede Aliani, l'altra atleta materana Santospirito e Giulia Tamburrini.

Tra i maschi è il nuoto a determinare tutta la gara e i tre migliori in acqua si contenderanno, al termine di una prova di corsa molto tirata, i tre gradini del podio assoluto. A vincere è Francesco Mancini della Meridiana Taranto avanti a Marco Cinquantasei del Cus Bari, mentre terzo è Davide Letizia della Meridiana Taranto. Molto bravi nella corsa anche Michele Iacovone (Matera), Christian Ronchi (Giovinazzo), Francesco Fabbrizi (Taranto) e Andrea Tamborrino (Nest Lecce), ma i loro tempi nella corsa non sono stati sufficienti a colmare il distacco subito nel nuoto.

Molto attese le prove Youth A dove risiedono molte delle speranze del triathlon pugliese e lucano e tutti i nostri migliori esponenti sono stati presenti a una prova sui 200 metri di nuoto e 1000 metri di corsa dai numeri e risultati interessanti. Tra le donne ci si attendeva la conferma delle qualità di Angela Altamura della Gp Modugno dopo le ultime brillanti gare, ma anche la verifica di Vanessa Lafronza della Nuoto Giovinazzo dopo il bel risultato all'esordio nell'aquathlon di Giovinazzo e anche la verifica dei netti miglioramenti che Viola Campanelli sta avendo in queste due specialità nelle ultime settimane che stanno riportando l'atleta ai suoi meritati valori. Di interesse sono anche i comportamenti in gara di Mariapia Malerba in continuo miglioramento e di Francesca Paladini della Meridiana Taranto, che nelle gare di aquathlon si esalta in modo particolare soprattutto grazie alle sue doti di nuotatrice.

Alla fine delle due frazioni a prevalere è Lafronza per soli due secondi su Altamura che ha ceduto nel finale della corsa dopo mille metri intensi grazie alla spinta impressa dalla Campanelli che ha provato la selezione dal primo metro mettendo a dura prova le altre. Una bella prova complessiva che da ottimismo al nostro movimento femminile poichè ricca di qualità è potenzialità.

Tra i maschi attesa la prova di Gabriel Lufrano del Team Matera dominatore della categoria finora e soprattutto nelle gare di triathlon, insieme a lui attesi protagonisti il bravo Francesco Laterza della Meridiana Taranto, forte nuotatore dal rendimento alterno nella corsa, poi Luciano Pignatelli della Nuoto Giovinazzo a confermare la sua predisposizione alle gare con nuoto e corsa. Alla fine ha vinto un outsider, Lorenzo Basile della Meridiana Taranto autore di una prova di nuoto magistrale che ha proseguito con una corsa brillante che pur non essendo cronometricamente la migliore gli ha consentito di mantenere il primo posto resistendo al ritorno di Lufrano molto veloce nei 1000 metri in pista. Terzo Laterza che sembrerebbe il più talentuoso nel nuoto, ma i tempi non sono ancora all'altezza del suo stile in acqua. Giù dal podio Pignatelli seguito da Agostino Marzella alla sua prima esperienza in una gara dl genere.

Poi è toccato agli Youth B, poche le donne, solo tre, da apprezzare tantissimo perchè sempre presenti alle nostre manifestazioni e il cui impegno è impagabile quanto il sorriso delle tre ragazze anche dopo sforzi intensissimi. Ha prevalso Arianna Antelmi della Gp Modugno migliore nel nuoto e nella corsa davanti a Maria Mangiullo della Nest Lecce e alla sorella Anna.

Molti di più i maschi alla partenza con I materani Grieco, Ruggieri e Iacovone a guidare la forte formazione lucana nel confronto con giovani talentuosi di Giovinazzo che avevano ben impressionato nella prova di esordio nella loro città e dal non tesserato conversanese Natale Laghezza vincitore dell'ultima prova di aquathlon disputata. Bello e serrato il confronto in acqua tra i forti nuotatori e dopo 200 metri in vasca a comandare la graduatoria erano Laghezza e Colaluce di Giovinazzo con due secondi di vantaggio su Grieco e una decina su Cinquantasei del Cus Bari e l'altro materano Ruggieri. Indietro gli altri quasi tagliati fuori dai giochi per il podio poichè troppo staccati, ma in pista poteva succedere ancora di tutto sui 1000 metri di corsa.

A prendere le redini della prova è stato subito Grieco che ha subito fatto selezione e che nel finale ha staccato anche Donatello Padolecchia del Cus Bari, unico a tenergli dietro a piedi. La gara è stata gestita con intelligenza e al termine Grieco si è aggiudicato la prova vincendola con congruo vantaggio su Laghezza che conferma il suo valore in questo tipo di gare e su Colaluce bravo anche nella corsa oltre che nel nuoto. Al quarto posto Ruggieri seguito da Cinquantasei, dal brindisino Iannotta e dal materano Iacovone; più indietro gli altri.

Vedendo le gare e analizzando le prestazioni appare chiaro che stanno emergendo nuovi nomi nel panorama della nostra disciplina, è il nuoto che fornisce la maggior parte dei nuovi protagonisti delle nostre gare che non sono più competizioni in famiglia, ma allargano la sfera d'azione in più parti. Certo il triathlon prevede anche l'utilizzo della bicicletta e questo fattore è ancora un fattore determinante alla completezza delle prestazioni e alla definizione dei valori in campo. La realtà è che stiamo notando un grande impegno delle società, più volte spronate a reclutare e ad allenare nuovi elementi e fare in modo che possano esprimersi su valori sempre più alti. Bisogna complimentarsi con i tecnici che stanno lavorando su più fronti e con pochi mezzi, di atleti ora ce ne sono molti più che in passato e sembrano essere più motivati a continuare ad allenarsi e a gareggiare anche stimolati da un aspetto sociale non secondario come motivazione. Adesso questi giovani vanno allenati e al meglio delle loro possibilità, anche per questo prendiamo atto con soddisfazione dell'ammissione di quattro nostri tecnici/istruttori al prossimo corso per allenatori. Lo stesso Settore Tecnico Nazionale, segue molto da vicino le nostre vicende, non per ultima la prova delle nostre squadre a Modena alla Coppa delle Regioni e il Direttore Tecnico della nazionale giovanile Alessandro Bottoni ha contattato il comitato in questi giorni chiedendo di poter venire in Puglia a visionare personalmente gli atleti protagonisti delle ultime gare. L'incontro avverrà in un prossimo raduno che è in fase organizzativa di cui sarà data notizia non appena saranno definite le circostanze e i luoghi e ci si augura una numerosa partecipazione di atleti, tecnici e accompagnatori.

Del settore giovanile fa parte anche la categoria Junior che ha effettuato le prove insieme agli atleti del settore assoluto, che hanno previsto 400 metri di nuoto e 2000 metri di corsa. Purtroppo il nostro settore juniores è piuttosto povero di numero, solo tre partecipanti alla gara di Brindisi, ma il valore ha ampiamente compensato le assenze con assoluta protagonista Venere Altamura della Gp Modugno, autrice della miglior frazione di nuoto in assoluto con un tempo che poi le ha consentito di avere un margine di sicurezza nella corsa su tutte le avversarie e vincere la gara in assoluto. Dei due junior maschi ha prevalso Giuseppe Romano della Meridiana Taranto, molto brillante nel nuoto e bravo anche nella corsa, tanto che oltre a vincere nella sua categoria è risultato secondo assoluto. Romano è un ragazzo molto valido complessivamente e continuiamo ad auspicarci una dedizione globale al triathlon che potrebbe dare a lui molte soddisfazioni.

Molte soddisfazioni potrebbe trovare nel nostro sport anche Andrea Leogrande del Cus Bari che continua a mietere miglioramenti cronometrici tanto da far pensare a un futuro da duathleta di buon livello visto che col nuoto sembra avere ancora problemi di prestazione, mentre in bicicletta il livello è molto alto. I suoi tempi nella corsa sono di gran lunga i migliori tra i giovani e i limiti sono ancora da scoprire.

Molto belle e combattute ai vari livelli e per le varie categorie le prove assolute. La vasca ha premiato le belle prestazioni di Marcello Roncone della O3 Noci, dei compagni di squadra Giovanni Rizzi e Giuseppe Mineccia, di Giacomo Susco del Cus Bari, Ivano Antelmi della Gp Modugno e di Fabio Leoni della Meridiana Taranto, ma tanti, al loro livello hanno ottenuto soddisfazioni cronometriche e primati personali. Ciò che traspare dall'analisi dei tempi è la capacità di distribuzione migliorata e la propensione a fare scia in acqua anche se in corsie differenti cosa che evidenzia l'abitudine agli allenamenti in vasca piuttosto che in acque libere, situazione che alle volte ha lati positivi, ma in alcune gare poi, pone di fronte a limiti seri.

Bravi comunque i protagonisti della gara assoluta, valida per il Trofeo Puglia che ha visto la partecipazione numerosa soprattutto di Meridiana Taranto, MSL Lecce e O3 Noci.

La prova in pista è stata molto avvincente, la prima batteria con i giovani fino alla categoria S4 ha visto uno spunto iniziale di Massimiliano Bonadies che ha condotto tutta la prova a un ritmo insostenibile per tutti o quasi. Gli unici a sopportare l'andatura sono stati Marcello Roncone e Andrea Leogrande. Netto il distacco degli altri che comunque sono stati bravi a gestire ritmi intensi. L'ultimo giro ha visto la progressione di Roncone che ha vinto con una media quasi da assoluto portandosi dietro Leogrande in netto miglioramento sia tecnico che cronometrico. Bonadies ha concluso molto bene a pochi secondi e belle anche le prove di Loconsole, Leoni, Milano e di Rizzi che ha così conquistato il terzo posto assoluto confermando i bei progressi prestativi degli ultimi tempi. Buone anche le prove di corsa di Liuzzi, Zongolo e Frizzale, mentre, se il detto "l'ultimo che arriva paga" è vero, toccherà a Domenico Lippolis offrire il caffè a tutti i partecipanti alla gara di San Cataldo in programma domenica prossima. Noi saremo lì!

classifica aquthlon kids e youth
phocadownload/data2014/20141006_083942_pu.pdf
classifica aquathlon promo adulti
phocadownload/data2014/20141005_221826_pu.pdf