Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Finale Coppa Italia triathlon Youth A e B

Lignano Sabbiadoro 28 settembre
Si sono svolte nel pomeriggio, in un clima invernale, le gare di finale di Coppa Italia di triathlon giovanile, in quel di Lignano Sabbiadoro. Quattro gli atleti pugliesi presenti che hanno rpeso parte alle gare con grande motivazione ed entusiasmo.
Nella categoria Youth B, Davide Quarta della Kurohyo Lecce ha svolto una prova regolare secondo le sue capacità e, nonostante una determinante caduta in bici per l'asfalto bagnato, è riuscito a completare la gara con soddisfazione.

Nella categoria Youth A tra gli uomini bella prova di Alessandro Cinquantasei del Cus Bari, brillante nel nuoto e caparbio in bici si è fatto valere per le prime due frazioni prima di cedere di intensità nella corsa dove il ritmo è calato probabilmente per una distribuzione dello sforzo non adeguata. Complimenti a lui che ha provato a fare gara con i più forti e che ora, magari, conosce meglio le sue capacità e sarà ancora più stimolato negli allenamenti in vista di nuove occasioni importanti.

Tra le donne un pò di sfortuna e forse di inesperienza ha caratterizzato la prova di Silvia del Signore del Cus Bari che per un suo errore nel conteggio dei giri ha compromesso una bella prova generale e per Arianna Antelmi vittima di un incidente tecnico in bici dopo una discreta frazione natatoria. Per entrambe la soddisfazione di aver concluso una prova impegnativa e per la notevole esperienza nazionale maturata.

In realtà si sapeva che il livello dei competitori era di elevatissimo spessore e il fatto che gli atleti delle regioni settentrionali sono più avvezzi ai confronti importanti quasi settimanali li porta a essere sempre a un livello superiore rispetto a noi, ma queste prove, nel tempo, riusciranno a creare anche per i nostri tecnici e atleti, i presupposti di crescita e sviluppo con frutti che, con la santa pazienza, arriveranno.

Domani staffetta delle regioni. Un'altra impegnativa prova per i nostri. Il resoconto su questo sito.