Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

III trofeo Officine dello sport di Aquathlon giovanile

Menifestazione del 5 maggio a Modugno
Una bella novità l'ha presentata il meeting di Aquathlon svoltosi a Modugno domenica 5 maggio; per la prima volta in Puglia, la frazione di nuoto è stata effettuata in una piscina trasformata in lago, senza corsie, ma con un percorso misto da 100 metri con quattro cambi di direzione. La novità è stata resa possibile sia grazie alle dimensioni della vasca con la possibilità di approntare un rettilineo di lancio sufficientemente lungo, sia grazie alle egregie capacità organizzative dimostrate dagli amici del GP Modugno fautori della manifestazione.

Circa 50 atleti provenienti da tutta la Puglia e dalla Basilicata, si sono cimentati nelle prove previste dimostrando notevoli doti agonistiche e buone capacità tecniche.
Hanno iniziato i più piccoli, la loro bravura in vasca ha dimostrato la provenienza sportiva, e dopo l'incerta e macchinosa transizione hanno dimostrato grinta e impegno anche nel breve tratto di corsa che ha sancito la vittoria del materano Persia tra i maschi e della concittadina Loperfido tra le femmine, vincitrice sulla piccola Giulia Balena, figlia d'arte, pioniera del settore giovanile del Cus Bari.

La gara degli esordienti ha visto prevalere la materana Santospirito e il tarantino Mancini su un nutrito gruppo di atleti; anche in questo caso il nuoto, insieme al tempo di transizione hanno fatto la differenza e un buon numero di atleti ha dimostrato di essere a proprio agio in acqua. Sin da piccoli andrebbero migliorate le fasi di transizione, vero motivo tecnico di una competizione molto breve e dalle elevate connotazioni coordinative più che di prestazione condizionale. Munire gli atleti di lacci appropriati potrebbe evitare perdite di tempo, per non parlare dell'abbigliamento di gara.

Perdonabilissimi i giovani, un pò meno dai ragazzi in poi. La situazione diventa più agonistica, soprattutto a giudicare dai tempi e dall'intensità di gara espressa dai giovani partecipanti, ben pronti a nuotare e correre a alti ritmi, ma poco abituati a legare le due specialità.

ben 16 i partenti della gara ragazzi e ragazze, che si sono lanciati a velocità olimpica per raggiungere e virare primi alla prima boa del percorso in acqua, riuscire a girarvi per primi significava porre una seria ipoteca per l'aggiudicazione della frazione natatoria e all'ultima virata in cinque si sono lanciati nella volata per raggiungere il bordo d'uscita dalla vasca, tra questi due donne. Anche in questa gara lunghissime permanenze in zona cambio hanno rivoluzionato la classifica, vanificando grossi sforzi nel nuoto, belle le prove di corsa dei primi ragazzi al traguardo con i due materani Lufrano e Paolicelli primo e terzo e con Leoni sul secondo gradino del podio. Tra le donne, pur attardata nel nuoto, la salentina Campanelli, più abituata alle transizioni e con una bella prova di corsa, ha prevalso sulla modugnese Pizzuti e sulla materana Aliani.

Poi è toccato alla categoria Youth A, tra uomini e donne 9 atleti in gara sui due giri in vasca e sui 1600m di corsa. In questa gara c'è probabilmente un buon talento per il triathlon, Alessandro Grieco, ragazzo di Matera che ha dimostrato assoluto valore nel nuoto e una tecnica eccellente nella corsa, e che ha dominato le due frazioni staccando nettamente il modugnese Mulas che sta dimostrando si saper correre sempre meglio e che potrebbe rivelarsi come sorpresa per il triathlon pugliese. Al terzo posto tra i maschi l'altro modugnese De Benedictis Giuseppe.

Tra le donne ha vinto nettamente la modugnese Altamura, molto bene nel nuoto e sufficiente nella corsa, sulla materana Laperchia e sull'altra modugnese Antelmi.

Unica batteria per Youth B e Junior per scarsa presenza di atleti, purtroppo.

Unica Junior donna la modugnese Altamura vincitrice quindi della prova femminile. Nessuno junior tra i maschi. Tre modugnesi ai primi tre posti youth B, primo molto bene nel nuoto e con buoni margini di miglioramento nella corsa è stato Gabriele Pizzuti, secondo Maffei e terzo Daddario.

Solo Alessia Bechi ha gareggiato tra le Youth B, vincendo.

Era prevista anche la classifica per società, vinta nettamente dalla squadra di Modugno, forte di un elevato numero di atleti, al secondo posto Matera e terza la squadra di Taranto.

In definitiva si può essere soddisfatti dell'andamento della manifestazione, ma soprattutto del fatto di rivedere in gara gli stessi atleti in più manifestazioni. La costanza di partecipazione alle competizioni è un buon indice della qualità del lavoro svolto dalle società e l'intenzione delle società di portare un nutrito numeero di atleti a fare esperienza alle prossime gare nazionali in programma a Porto Sant'Elpidio è un ulteriore segno della crescita del movimento e della mentalità.

classifiche youth e junior
phocadownload/data2013/20130505_145944_pu.pdf
classifiche cuccioli, esordienti e ragazzi
phocadownload/data2013/20130505_150053_pu.pdf