Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Settore Istruzione Tecnica: Convegno di aggiornamento GROSSETO 10 novembre


Una sala conferenze gremita è stata la dimostrazione dell'interesse suscitato dal convegno organizzato dal Triathlon Grosseto A.S.D. sabato 10 Novembre presso la sede C.O.N.I. di Grosseto, dal titolo "La Pratica del BLS e cure immediate degli infortuni e loro prevenzione negli sport di Endurance e nel Triathlon", valido anche come corso di aggiornamento per Tecnici F.I.Tri.. Grazie anche al patrocinio gentilmente concesso della A.U.S.L. 9 di Grosseto è stato possibile avere come relatori due professionisti conosciuti e stimati, con un' esperienza ricca e consolidata sugli argomenti trattati.
Il Dott. Franco Simoni specialista in Medicina dello Sport e già Direttore degli Ambulatori di Medicina dello Sport dell'Area Grossetana, ha presentato una relazione dettagliata sulla prevenzione degli infortuni, prevenzione che deve partire dalla visita medica propedeutica all'attività agonistica. Come ha tenuto a precisare il Dott. Simoni, è fondamentale che la visita medica, primo passo per un giusto approccio all' attività sportiva e la prevenzione di infortuni importanti, a volte anche letali, sia effettuata in ambulatori accreditati dal S.S.N. e principalmente da medici eticamente corretti.



Si è poi passati ad analizzare le tre discipline del triathlon facendo riferimento alle eventuali conseguenze traumatiche che possono causare, con un' accurata analisi delle singole traumatologie e la loro corretta cura immediata e nel lungo periodo, tutto senza trascurare altri aspetti importanti legati al gesto agonistico, quale la correlazione tra gli infortuni e le attrezzature in uso come, nel caso della triplice disciplina, la bicicletta e, non per ultime, le scarpe sia da podismo che da ciclismo. Un breve passaggio è stato fatto anche sull' uso immediato dei farmaci spiegando se, come e quando utilizzarli.



Importante e utile è stata anche la trattazione riguardante la parte normativa su come, dove e chi deve prestare il primo soccorso, con spiegazione degli eventuali risvolti giudiziari in caso di omissione dello stesso.



Alta ed interessata è stata l' attenzione del numeroso pubblico tra i quali i 16 tecnici F.I.Tri. ed alcuni di altre federazioni, che non hanno mancato, alla fine della presentazione del Dott. Simoni, di aprire un interessante dibattito con domande che hanno dimostrato quanto l' argomento sia sentito e di forte interesse. Anche il moderatore, Prof. Sebastiano Zuppardo, ha risposto personalmente ad alcune domande, citando esperienze e conoscenze frutto non solo di anni di studi e di numerose pubblicazioni ma anche della sua lunga esperienza in campo fisioterapico e nella preparazione di atleti di alto livello come Oscar Pistorius, Andrew Howe e Alessandra Sensini, solo per citarne alcuni.



Dopo una breve pausa per un caffè offerto dalla società organizzatrice è stata la volta del Dott. Claudio Pagliara, medico impegnato nel 118 e professionista fiduciario della F.I.N. per la quale si occupa della formazione degli Assistenti Bagnanti. Molto concreta la sua lezione che ha spiegato la pratica del BLSD (Supporto Vitale di Base e Defibrillazione) e le manovre che devono eseguire i c.d. "laici" ovvero i non esperti nel settore medico e paramedico, secondo le modalità stabilite dall'European Resuscitation Council che formalizza i protocolli, aggiornandoli periodicamente in base ai dati raccolti. Come accennato in precedenza dal Dott. Simoni, anche il Dott. Pagliara ha ribadito che la prima cura da portare ad un infortunato nella catena della sopravvivenza, è quella di attivare immediatamente i soccorsi, per poi procedere con le altre valutazioni e manovre. Interessante è stata la parte dimostrativa durante la quale, servendosi di un manichino, è stato rappresentato come si effettua correttamente un massaggio cardiaco e come si utilizza un defibrillatore semi-automatico. Importante la conoscenza di questo nuovo ausilio, che insieme alla cassetta del pronto soccorso può essere trovato a disposizione del pubblico per le situazioni di emergenza nei centri commerciali, aeroporti e luoghi di grande afflusso di persone, ma che richiede per il suo utilizzo la conoscenza di poche ma importanti regole affinché sia veramente utile per salvare una vita. Ringraziamenti anche al C.O.N.I. provinciale di Grosseto per il supporto logistico dato con la concessione della propria sala conferenze, ma soprattutto a tutti i partecipanti che con il loro interesse ed attenzione ed il livello riconosciuto al corso con la valutazione fatta tramite un questionario di gradimento compilato a fine giornata, hanno stimolato ed invogliato gli organizzatori del Triathlon Grosseto A.S.D. a continuare questo percorso formativo, iniziato già da alcuni anni e che si propone di dare ai sui tesserati e non, oltre che insegnamenti prettamente legati alla pratica sportiva, anche tutta una serie di nozioni scientifiche che intorno ad essa ruotano.

Convegno SIT Grosseto
https://mail.google.com/mail/?ui=2&ik=043e2ce44a&view=att&th=13afc1c4800e942d&attid=0.1&disp=thd&zw