Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

L'UMBRIA DEL TRIATHLON SUGLI SCUDI

L'Umbria cresce del 100%
Ho partecipato alla mia prima riunione della Consulta Nazionale della Fitri a Roma, presso il Palazzo delle Federazioni del CONI.



Per me era il primo giorno di scuola e sapevo di andare a rappresentare, da Delegato Regionale umbro, una realtà ancora piccola ma con un trend di crescita di tutto rispetto. Mi fa piacere condividere con tutti voi i temi della Consulta e soprattutto i complimenti che ho riportato in Umbria da parte di tutti i vertici nazionali della Fitri per il lavoro fin qui svolto.





La riunione è iniziata alle ore 11,30, alla presenza del Presidente Nazionale Luigi Bianchi, del Presidente della Consulta Roberto Contento, del Vice Presidente Marco Comotto, dei Presidenti Regionali ed i Delegati Regionali di tutta Italia.



Ha rotto il ghiaccio il Presidente nazionale Bianchi che ha riassunto in breve la situazione della Federazione, sottolineando il trend positivo dei risultati raggiunti nel primo biennio di suo mandato e mettendo in evidenza che, per quanto concerne il bilancio, la Federazione ha superato lo stato debitorio di partenza addirittura con un anno di anticipo rispetto alle previsioni iniziali.

Bianchi ha quindi proseguito informandoci che la Fitri è stata l'unica Federazione a pubblicare il bilancio on line: questo diverrà obbligo dal prossimo esercizio per tutte le Federazioni del CONI.



Ha preso quindi la parola il Presidente della Consulta Roberto Contento che ha illustrato l'assetto dell'organizzazione territoriale, sottolineando la forte crescita della Federazione Triathlon, anche malgrado il Paese stia attraversando una grave crisi.

Contento è passato a fare l'analisi di tutti i dati, evidenziando l'incremento strutturale: il territorio è quasi completamente coperto dai 12 Comitati e le Regioni Abruzzo e Marche sono ormai vicine ad avere i requisiti per divenire Comitati, nel mentre i Delegati assicurano grandi azioni di promozione sportiva e progetti per l'incremento del triathlon sul territorio.



L'Umbria, che è passata in un anno da 3 a 6 Società, si proietta di slancio verso la possibilità di diventare Comitato, mentre per la Basilicata ed il Molise il Presidente ha proposto un'ipotesi di accorpamento, in analogia di quanto attuato per Piemonte e Valle d'Aosta, pensando, per esempio, al Molise con l'Abruzzo ed alla Basilicata con la Puglia.



Il Presidente Contento ha inoltre analizzato le variazioni in percentuale delle società e dei tesserati e sottolineato la crescita significativa dell'Umbria 100%, della Puglia 23,08% e delle Marche 22,22%; in analogia la crescita dei tesserati vede sempre nei primi tre posti il Centro-Sud: ancora l'Umbria 57,72 %, la Calabria 25,81 % e le Marche 20,78%.



Eclatante perciò il risultato del triathlon umbro che guida la crescita italiana sia per quanto riguarda la Società che i tesserati.

Per questo motivo, quando ho preso la parola, sono partito dal tratteggiare il nostro nuovo assetto, rappresentando a tutti il modello di gruppo di lavoro regionale composto da 6 membri in rappresentanza delle 6 diverse società umbre che è stato molto apprezzato. Sono quindi passato a rappresentare il lavoro che stiamo affrontando per lo sviluppo e la promozione dell'attività giovanile, a partire dal progetto presentato al Coni umbro, richiedendo ai vertici nazionali materiale di propaganda per le scuole e per i più giovani.

Vista poi la crescita di società nella nostra regione, ho altresì richiesto che, in via eccezionale, si possano valutare incentivi economici per l'affiliazione di nuove società, così da poterci avvicinare al numero di 10 che ci permetterà di raggiungere la soglia del Comitato. Sono quindi passato a parlare delle gare che le Società umbre intendono organizzare per l'anno 2015: 4 competizioni di caratura nazionale in luoghi caratteristici della nostra verde Umbria che così bene si presta a valorizzare il triathlon in contesti molto ben raggiungibili ed adatti. Tutti i Presidenti delle Regioni confinanti si sono detti disponibili a pubblicizzare le nostre attività, vista la posizione baricentrica del nostro territorio.

Ho quindi invitato tutti i presenti all'appuntamento dell'Umbria Fitri Open Day che abbiamo ricollocato per i primi di dicembre a Terni, appena il Presidente Bianchi ci confermerà la presenza.



Alla grande soddisfazione per i complimenti ricevuti nel corso della Consulta Nazionale, si è sommata la splendida notizia avuta proprio in queste ore dell'attribuzione alla Società del Triathlon Trasimeno a.s.d., da parte della Fitri Nazionale, del Campionato Italiano di Duathlon Giovanile individuale e a squadre che si terrà il 18 e 19 aprile a Perugia.

Una gara di prestigio che premia il buon lavoro della società di Alessandro Jovine e l'Umbria intera del triathlon e ci proietta in un anno davvero impegnativo: l'anno del cambio di passo.

Se sapremo interpretare al meglio tutte le spinte innovative, se sapremo lavorare nella giusta direzione e riusciremo a fare sintesi tra tutti noi, l'Umbria saprà ritagliarsi un ruolo di primo piano nello scenario nazionale della Fitri ma soprattutto riusciremo a far crescere questa nostra splendida disciplina legandola in modo indissolubile a territori di rara bellezza e portando tanti giovani a conoscere lo sport del presente e del futuro.

Spetta a noi: buon lavoro a tutti!



Riccardo Giubilei