Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Il resoconto dei raduni di Monterotondo e di Montalto di Castro


Sabato 4 aprile si è svolto a Roma, presso le strutture delle società locali ATLETICO UISP MONTEROTONDO e NEW GREEN HILL, il secondo raduno 'open' per il Centro Italia, che ha visto la partecipazione di 38 atleti, appartenenti alle più attive società con settore giovanile di Toscana e Lazio (NEW GREEN HILL, MINERVA ROMA, ATLETICO UISP MONTEROTONDO, TORRINO, GS FIAMME ORO, FIORDALISO, LA FENICE, NUOTO LIVORNO).
I giovani, accompagnati dai loro tecnici, sotto la guida di Leonardo Altamura e Tommaso Dusi, responsabili tecnico ed organizzativo per il CIR Centro, hanno potuto svolgere nel migliore dei modi i test del 'Protocollo francese' (1000m di corsa in pista e 200m di nuoto in vasca da 25m), fornendo così importanti indicazioni sulle loro caratteristiche tecniche e sul loro attuale stato d'allenamento. Il giorno successivo, gli stessi atleti presenti al raduno, hanno partecipato alla prima prova del circuito interregionale Centro, il duathlon di Monterotondo, battagliando fra loro in modo avvincente e talvolta sovvertendo i possibili pronostici pre-gara, a testimonianza del fatto che la nostra multidisciplina trova il suo reale compimento, ed è affascinante ed avvincente, soprattutto per ciò che succede nelle competizioni, ad ogni livello.
In base ai risultati registrati, sono stati segnalati dal responsabile regionale alcuni atleti alla Scuola di Alta Specializzazione, che ha immediatamente provveduto a visionarli in modo più approfondito in occasione del successivo raduno su convocazione, svoltosi a Montalto di Castro in una due giorni pre-pasquale dai risvolti tecnici molto interessanti.
Infatti, grazie ad un contesto ambientale e tecnico idoneo e ad una seria organizzazione, nelle collaudate strutture presenti nella cittadina di Montalto, 18 triathleti fra cadetti ed allievi, fra cui ben 9 ragazze, hanno dato il meglio di loro negli stessi test piuttosto impegnativi che la SAS propone anche ai suoi atleti di interesse nazionale.
Dunque, quando siamo ormai alle porte della stagione di gare giovanili a livello nazionale, si intensifica il lavoro dello staff federale, nella speranza di trovare atleti dotati e motivati per il nostro sport, anche in vista dei prossimi avvincenti appuntamenti internazionali, e si sta cercando di valorizzare le caratteristiche di ogni singolo triathleta, offrendo sostegno tecnico e collaborazione alle società che sempre più numerose stanno portando forze fresche sui campi di allenamento e di gara.
(Per la SAS - Il referente tecnico regionale - Leonardo Altamura)