Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Buona la prima


 

(Comunicato organizzazione)

La due giorni di gare dell’Idroscalo ha riscosso notevole successo, oltre 400 i partenti nella gara di aquathlon del sabato organizzata dal CNM, tra senior/master e giovani, assegnati i titoli regionali assoluti e junior, a farla da padrone il CUS Pro Patria Milano che si è aggiudicato ben tre dei quattro titoli in palio con Sara Longoni (assoluti donne), Laura Bellucco (junior donne), Michele Bonacina (junior uomini), unico “intruso” di giornata Leonardo Ballerini del Raschiani triathlon Pavese che si è aggiudicato la prova assoluta uomini.
Combattute come sempre le prove tra i kids, e qui i padtroni di casa del CNM si sono tolti numerose soddisfazioni, con vittorie e podi a ripetizione.
La gara era valida anche come seconda prova della Coppa Lombardia, dove il Road Runners Club Milano ha ribadito la sua volontà di far suo il prestigioso trofeo, mettendo in campo una sessantina di atleti e riconfermando quindi la prima posizione.
Nel pomeriggio un duathlon promozionale a squadre sulla distanza 400/1/200 ha visto confrontarsi pediatri, genitori e piccoli atleti, la manifestazione nasce da un progetto di collaborazione tra il Simpef, una associazione di pediatri e Cus Pro Patria Milano, lo scopo dichiarato, oltre a quello di far conoscere la multidisciplina, era quello di coniugare una sana alimentazione e la pratica sportiva per crescere meglio, importante quindi il coinvolgimento non solo dei piccoli atleti ma dei genitori e dei medici, tutti insieme per raggiungere un riusltato comune, quello del benesser fisico.
La “gara” ha visto confrontarsi ben 15 squadre per un totale di oltre 100 partecipanti, una chicca della manifestazione sono state le biciclette utilizzate, fornite da “Bike MI”, il servizio di noleggio del Comune di Milano.
Domenica, infine, si è svolto il triathlon sprint con oltre seicento partecipanti ed un percorso inedito per l’Idroscalo, non dalla solita parte delle tribune ma dalla parte opposta, per sfruttare al meglio le strutture del CUS Milano, spogliatoi, docce, area expo.
La gara, organizzata dal CUS Pro Patria Milano, era valevole per il Criterium Universitario (che ha visto vincitori in campo femminile Sara Papais del Cus Udine e in campo maschile Pozzatti Gianluca del CUS Trento), per il rank nazionale, con gli stessi vincitori anche nella classifica assoluta, per la combinata con l’aquathlon del giorno prima, la Coppa Lombardia e i titoli regionali assoluti e junior.
In questa gara c’è stata maggior distribuzione nei titoli vinti,  con Crivellaro (DDS) vincitore del titolo assoluto maschile, Casiraghi (DDS) vincitrice del titolo assoluto femminile, Roggiero Alessia  (Pro Patria Arc Busto) vincitrice del titolo junior femminile e Michele Bonacina (Cus Pro Patria Milano Triathlon) vincitore del titolo junior maschile, che completa così il “triplete” con i titoli di aquathlon e duathlon già vinti.Arrivederci quindi al 2015, anno importante per Milano con l’Expo, con un’idea speciale per il triathlon al femminile, vista la grande partecipazione di atlete alla gara (oltre 100 su 600) l’anno prossimo ci sarà sicuramente qualcosa di particolare per loro.