Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Gomez, che rientro! Sua la World Triathlon Series di Abu Dhabi davanti a Bishop e Luis. Davide Uccellari, autore di una gara in rimonta, chiude al 26° posto.

//platform.twitter.com/widgets.js

gomez abu dhabi 2107

 

Javier Gomez è tornato e lo ha fatto in grande stile. Lo spagnolo fermato a metà della scorsa stagione da un infortunio al gomito che non gli ha consentito di gareggiare ai Giochi Olimpici di Rio 2016, domina la tappa di apertura della World Triathlon Series 2017 di Abu Dhabi, tagliando in solitaria il traguardo di Yas Marina davanti a Thomas Bishop (GBR), mai salito sul podio in WTS o in Coppa del Mondo prima d'ora, e Vincent Luis (FRA), campione europeo sprint e vincitore in WTS ad Amburgo nel 2015. Quarto posto per Fernando Alarza (ESP), autore di una stratosferica frazione podistica (miglior parziale nei 10000 m). 26° posto per Davide Uccellari (G.S. Fiamme Azzurre), unico azzurro al via, autore di una gara di rincorsa.

 
Dopo il tuffo di partenza, ci ha pensato Raphael (FRA) a fare il ritmo assieme a Polyanskiy (RUS); dopo le prime fasi concitate, con il gruppo suddiviso in tre trenini, sono ancora i francesi, in particolare Raphael e La Corre a fare l'andatura con ancora Polyanskiy e Schoeman (RSA) in scia. Alla prima transizione, è proprio il francese più esperto a guidare la gara un gruppo piuttosto consistente composto da 25 atleti; staccati di oltre 50” gli spagnoli Mola e Alarza e il sudafricano Murray, tra i favoriti per il podio. Il ritmo sulle due ruote, sotto l'impulso di Gomez e Luis (FRA), è forsennato e in testa rimangono soltanto 10 atleti. La situazione prende forma con la gara spezzata in tre tronconi fino al secondo cambio: l'andatura, malgrado il percorso tecnico e selettivo, è elevata e a farne le spese sono uomini del calibro di Connix e La Corre (FRA), Zipf (GER), Blummenfelt (NOR) e Sullwald (RSA), caduto, che abbandonano anzitempo la competizione. Posata la bici, il campionissimo iberico, malgrado una transizione lenta, balza subito al comando seguito da Schoeman e Bishop (GBR), ma il sudafricano cede subito il passo agli altri due; dal secondo gruppo, che ha lasciato la zona cambio con un minuto di distacco, emergono subito Mola, Alarza e Murray. Il break decisivo che risolve la gara arriva a 3 km dal traguardo, con l'argento di Londra 2012 che assesta un'irresistibile attacco che lo porta verso la vittoria. Gara da incorniciare anche per il 26enne britannico, mai così in alto nel massimo circuito mondiale, che conquista la piazza d'onore, e Vincent Luis, che torna sul podio in WTS dopo un anno e mezzo di digiuno.
 
Uccellari, come anticipato, taglia il traguardo in 26^ posizione. Conclusa la frazione di nuoto in 37^ posizione (a ridosso di Mola e Alarza), non è riuscito ad agganciarsi al treno giusto nelle prime fasi del ciclismo, essendo così costretto ad una gara in difesa. Nell'ultima frazione, l'azzurro ha stretto i denti ed è risalito di quattro posizioni. “Il nuoto non è andato male, ma ho compiuto un errore in prima transizione – ha detto a caldo Uccellari – non sono riuscito ad agganciarmi a Mario Mola, con la possibilità di inserirmi in un gruppo di ottimi corridori, ma sono finito nel terzo troncone. Da qual momento abbiamo incrementato in distacco dalla testa. La corsa è stata dura, ma sono riuscito a guadagnare qualche posizione. Mi tengo il 26° posto al debutto in questa stagione e rinnovo la fiducia nel lavoro che sto cadendo e nel mio prosieguo di stagione: assieme a Joel analizzeremo gli errori per migliorare e ora penso già alla tappa di Gold Coast e ho già voglia di rimettermi a lavoro durante il camp australiano di tre settimane”.
 
“Ripartiamo da questo 26° posto, siamo solo all'inizio di un percorso, pensiamo ai prossimi appuntamenti – ha spiegato Joel Filliol, Olympic Performance Director che ha seguito gli azzurri ad Abu Dhabi –. Davide ha disputato un buon nuoto, ma salendo in bici ha fallito l'aggancio alle ruote che lo avrebbero portato nel secondo gruppo: sono convinto che la gara sarebbe cambiata se non avesse perso quei pochi preziosi secondi. Teniamo in considerazione che è il primo appuntamento di un ciclo olimpico iniziato con l'intento di costruire basi solide per un processo di crescita. Guardiamo avanti”.

 

PosFirst NameLast NameYOBCountryStart 
Num
TimeSwim 
1500m 
T1 Bike 
40km 
T2 Run 
10km 
1 Javier Gomez Noya 1983  ESP 26 01:52:31 00:18:38 00:01:02 01:00:54 00:00:36 00:31:23
2 Thomas Bishop 1991  GBR 22 01:52:45 00:18:36 00:01:08 01:00:52 00:00:36 00:31:36
3 Vincent Luis 1989  FRA 49 01:53:08 00:18:35 00:01:06 01:00:53 00:00:30 00:32:05
                       
26 Davide Uccellari 1991  ITA 25 01:58:50 00:19:16 00:01:12 01:04:17 00:00:33 00:33:33

classifica completa

Podio Wts Abu Dhabi2017 uomini