Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

In 220 da tutt’Italia al Triathlon Kids di Caorle

images/2020/Gare_ITALIA/Triathlon_Sprint_Caorle/medium/partenza_kids_2020.jpg
Giovani

Sono tornati finalmente a nuotare, a correre in bicicletta e a correre a piedi. Che spettacolo oggi, sabato 8 agosto, a Caorle (VE) per il primo triathlon dedicato ai giovani nell’era post Covid. In 220 si sono presentati a Porto Santa Margherita per l’evento organizzato da Silca Ultralite Vittorio Veneto. E sono arrivati davvero da tutt’Italia: oltre che dalle province del Veneto, i piccoli triathleti provenivano dal Trentino Alto – Adige, dal Piemonte, dall’Emilia Romagna, dalla Lombardia, dalla Liguria, dal Friuli Venezia Giulia, dalla Toscana, e anche dalle isole, la Sardegna e la Sicilia.

Fin dal primo pomeriggio costumi, body, cuffie, occhialini, bici e scarpette hanno iniziato ad animare il campo gara, posizionato nella zona della piscina comunale Caorle Nuoto & Wellness di via delle Rondini. Alle 16.00 il via per i Minicuccioli, seguiti dai Cuccioli. Per i piccoli appartenenti a queste due categorie (dai 6 ai 9 anni) la frazione di nuoto è stata disputata in piscina. Poi è stata la volta di Esordienti, Ragazzi, Youth A e B che hanno nuotato nelle acque del mare caorlotto. Anche in questo caso, come per l’Aquathlon dell’Alpago, nessuna classifica e una cerimonia di premiazione per tutti. Come sul lago di Santa Croce, la prima a partire è stata Ginevra Soldi, minicucciola di Bologna. In gara anche il gemello Giacomo. Ad accompagnarli, oltre a mamma Chiara, il papà Francesco, che sarà al via dello sprint di domani. “Ci tenevo tanto a tornare in gara, per fare il mio primo triathlon – commenta Ginevra – qui mi sono divertita ancora di più, visto che ho potuto nuotare, correre in bici e correre”.
Il divertimento è stato tanto, anche se le partenze non sono più di gruppo, ma a cronometro, un atleta ogni 30 secondi. Mascherina da indossare all’arrivo con gel igienizzante da usare prima di uscire dall’area del traguardo. Da seguire le normative anti-covid, ma soprattutto da festeggiare il ritorno della multidisciplina. E dopo il traguardo, tutti a raccontarsi, a confrontarsi sui momenti salienti della gara. “Io sono uscita dalla zona cambio con il casco, anche se ero già scesa dalla bici”, dice una minicucciola alla compagna di squadra. “Io vedevo che da dietro il mio avversario mi stava raggiungendo, così ho chiuso gli occhi e ho corso più veloce che potevo”, dice un esordiente. Racconti di sport, di triathlon, di condivisione. Il triathlon è davvero ripartito, anche per loro. I Kids.
“Una ripartenza tanto attesa, dopo mesi di chiusura, senza eventi culturali, turistici, sportivi - aggiunge il sindaco di Caorle, Luciano Striuli – ripartire con il triathlon è davvero bello, anche perché si tratta di una delle manifestazioni più importanti che organizziamo nel corso dell’anno. Questo primo evento sportivo a terra è stato possibile perché c’è stato un grande lavoro di squadra, con l’amministrazione comunale e gli organizzatori, con Fondazione Caorle Città dello Sport, Polizia Locale e tutte le altre associazioni coinvolte”.
“Una grande gioia tornare a gareggiare, anche a Caorle – afferma Luigi Bianchi, presidente della Federazione Italiana Triathlon –  mai un fatto del genere, l’emergenza sanitaria, ci aveva colpito e costretto al lockdown. Abbiamo dovuto lavorare per predisporre protocolli atti a garantire la sicurezza. Non è stata certamente una cosa semplice, non lo è nemmeno per gli organizzatori che devono organizzare le gare. Oggi però siamo sui campi di gara e questa è la cosa importante”.
“È sempre bello rivedere in gara i giovani -  commenta Vladi Vardiero, presidente del comitato Veneto della Federazione Italiana Triathlon – abbiamo avuto anche un incremento di partecipanti rispetto all’Alpago, segno che la voglia di gareggiare c’è ed è tanta. Le occasioni per gareggiare quest’anno saranno davvero poche, a maggior ragione un plauso va a Silca Ultralite che ha avuto il coraggio di organizzare queste gare”.
 
E domani, domenica 9 agosto, si riparte con il Triathlon Sprint Gold Città di Caorle, che sarà trasmesso anche in diretta streaming sul canale Youtube “Silca Triathlon” (https://www.youtube.com/user/SilcaTriathlon) e sul sito di VenetoGlobe (https://www.venetoglobe.com) . La gara femminile è in programma alle ore 10.00, quella maschile alle 11.45. Le distanze sono 750 metri a nuoto, 20 chilometri di ciclismo e 5 chilometri di corsa a piedi. La frazione di nuoto prenderà avvio dalla spiaggia di fronte all’impianto natatorio caorlotto, la frazione di ciclismo (4 giri da 5 km) arriverà a lambire la località di Altanea, passando davanti al Villaggio A Mare, mentre la corsa si svilupperà nel parco di Altanea.
Il Triathlon Sprint Gold Città di Caorle è valido come seconda tappa della Sgambaro Triathlon Challenge, la cui classifica sarà determinata sommando i tempi conseguiti nel triathlon dell’Alpago (BL) e quelli di Caorle. Come premi, i prodotti dell’azienda di Castello di Godego (molino e pastificio) guidata dal presidente Pierantonio Sgambaro.

 

(fonte: comunicato stampa Silca Ultralite, foto: IO+Studio)