Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Paratriathlon: parte la stagione Tricolore con una novità tecnica importante

images/2019/foto/Paratriathlon/Raduno_Peschiera_Gennaio/medium/gruppo_paratriathlon_peschiera_re.jpg
Paratriathlon

Con i Campionati Italiani di Paraduathlon, scatta la Italian Paratriathlon Series, primo appuntamento sul territorio nazionale della stagione 2019. 

I Tricolori in programma domenica 31 marzo Montelupo Fiorentino vedranno al via 31 atleti e porteranno diverse novità: spicca l'inserimento della categoria PTM1 relativa alla disabilità mentale nella quale farà il suo esordio Francesco Vitellozzi. Oltre a questa new-entry, a Montelupo ci sarà l'occasione per i primi confronti in tutte le categorie al termine del blocco di lavoro invernale. “Crescono i numeri, in particolare il settore femminile – dice Neil Mac Leod, Project Manager del Paratriathlon – Siamo alla vigilia della seconda edizione della prova tricolore organizzata soltanto per il settore Paratriathlon dalla Firenze Triathlon che sento di ringraziare sentitamente per l'impegno e la passione nell'organizzazione dell'evento”.

Alla vigilia del debutto della stagione italiana, il Direttore Tecnico Mattia Cambi fotografa la situazione attuale del Paratriathlon nostrano e annuncia un nuovo importante innesto nei quadri tecnici. “Negli ultimi anni, il settore ha avuto un'incremento di tesserati su tutto il territorio italiano, in particolare alla base, e questo aumento è dovuto al coinvolgimento di molti giovani. Con l'obiettivo di veicolare le energie e le competenze nella giusta direzione e nell'ottica di una continua crescita, è con grande piacere che annuncio la collaborazione di Simone Biava, DT del Paratriathlon ai Giochi di Rio 2016 in cui la Nazionale ha conquistato due medaglie, in qualità di Coordinatore degli atleti di interesse nazionale e degli Under 25 oltre che tutte le attività connesse al Multisport. A poche settimane dall'inizio del periodo di qualificazione per Tokyo 2020, mandiamo un segnale importante per tutto il movimento: siamo consci che il percorso di qualifica sia selettivo ed impegnativo e non ancora alla portata di tutti gli atleti, ma al contempo vogliamo continuare a crescere alla base guardando anche al futuro di questo settore e questa disciplina che nel prossimo quadriennio porterà a Parigi 2024”. Il Direttore Tecnico spiega come si orienterà il processo di sviluppo da qui in avanti: “Vogliamo veicolare energie e informazioni preziose anche nei confronti di Comitati, Società e tecnici che si avvicinano alla gestione di atleti disabili e che vogliono aiutare e sostenere la pratica di questo affascinante sport. Credo che questo sia un aspetto fondamentale per un settore che sta prendendo forma e cerca di stare al passo con lo sviluppo in ambito internazionale. L'inserimento nel nostro organico di Simone Biava è un ulteriore testimonianza della voglia di crescita che anima il paratriathlon azzurro, sempre sostenuta da una Federazione che, a partire dal Presidente, è sempre molto attenta al nostro settore”.

Simone Biava, che ha già iniziato a lavorare nello staff tecnico racconta l'inizio della sua nuova avventura con il Paratriathlon azzurro. “È un grande onore poter ricoprire un incarico federale per l’attaccamento viscerale che ho verso i colori azzurri. Ringrazio le persone che hanno pensato a me è alla mia professionalità per questa nuova opportunità – dice Biava – Dopo le medaglie di Rio che ci hanno portato in contesto di prime nazionali al mondo ho potuto intraprendere relazione con altri paesi ed è strategico creare una strategia di ricerca del talento e sviluppo. Ho sfruttato il periodo di inattività per studiare e portare avanti collaborazioni con altre nazioni: queste esperienze verranno totalmente riversate nella nostra Federazione. Mi occuperò dell'attività Multisport e del coordinamento tecnico per atleti U25 – spiega il tecnico – Per il primo ambito, si partirà dai Mondiali di Pontevedra di fine aprile, poi ci concentreremo sugli Europei di Targu Mures. La seconda attività citata sarà a supporto di atleti e soprattutto tecnici per sviluppare ottimali processi metodologici per ogni elemento: il primo incontro in merito avverrà già in occasione dei Tricolori di domenica. L'obiettivo è quello di ampliamento il contesto di reclutamento, ricercare il talento e sviluppare un percorso che porti al processo di alto livello”.

 

LA GARA: tutte le informazioni sui Tricolori di Montelupo Fiorentino

LE START LIST dei Campionati Italiani di Paraduathlon

Biava Medaglie RIo2016

ferrarin e achenza medaglie rio 2016

tricolori paraduathlon 2018

(foto: FITRI Media)

 

 

NOTIZIE CORRELATE
Tricolori Paraduathlon 2018: il resoconto della rassegna di Montelupo Fiorentino
Paratriathlon: stagione 2019 all'insegna delle novità. Lanciati i Tricolori