Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Luis e Zaferes a segno alla World Series di Yokohama. Tripletta americana tra le donne, Mazzetti 16^

images/2019/gare_internazionali/WTS/Yokohama/medium/D60dwhcU8AA5F6X.jpg
World Triathlon Series

World Triathlon Series di Yokohama all'insegna delle triplette. Katie Zaferes (Usa) vince ancora nel massimo circuito mondiale e, dopo i successi di Abu Dhabi e Bermuda, allunga la striscia positiva con il successo in terra giapponese su distanza olimpica. Alle sue spalle le connazionali Summer Rappaport (Usa) e Taylor Spivey (Usa) che completano il tris a stelle e strisce. Anna Maria Mazzetti (G.S. Fiamme Oro) ottiene la 16^ posizione ed è la prima azzurra a tagliare il traguardo, poco più indietro Verena Steinhauser (G.S. Fiamme Oro), che termina in 19^ posizione, e Alice Betto (G.S. Fiamme Oro) che chiude al 20° posto.

La gara maschile incorona Vincent Luis (Fra), protagonista assoluto sin dalle prime battute. Il francese ha lottato per le medaglie con Henri Schoeman (Rsa), secondo al traguardo, e Bence Bicsak (Hun), terzo). 43° posto per Alessandro Fabian (Trif Dream) che dopo un inizio convincente è scivolato indietro.

GARA DONNE. Learmonth è la più veloce in acqua ed esce da sola dalla prima frazione con una manciata di secondi su Spivey, Kingma e Zaferes le quali formano subito un gruppetto assieme a Rappaport, Takahashi e Miller. Alice Betto completa i 1500 m di nuoto in 15^ posizione ed esce a 20 secondi dalla testa, ma appena saltata in sella si inserisce nel gruppo che insegue le sette fuggitive. Mazzetti e Steinhauser sono leggermente più attardate dopo il nuoto e arrivano in T1 in 20^ e 22^ posizione a 50 secondi dalla testa. Dopo le prime fasi di ciclismo, la gara si delinea: il gruppo con Alice formato da sette atlete (insieme a lei Taylor-Brown, Jeffcoat, Stanford, Gorman, Van Coevorden e Beaugrand) si assesta a 15 secondi mentre Anna Maria e Verena si inseriscono nel terzo gruppo che veleggia a un minuto dalla testa. Nel corso dei 40 km di ciclismo, le fuggitive incrementano il vantaggio che, giro dopo giro, aumenta sino a due minuti mentre il drappello con Steinhauser e Mazzetti si presenta in T2 con un distacco di 3'05”. Tra le 7 che si giocano la vittoria, Zaferes e Rappaport prendono il largo sin dalle prime fasi della corsa con la Spivey che lotta per il podio con Takahashi. È tripletta americana con Zaferes che si impone su Rappaport (staccata all'ultimo giro) e Spivey, che lascia la padrona di casa Takahashi ai piedi del podio. Completano la top ten Taylor-Brown (Gbr), Learmonth (Gbr), Kingma (Ned), Stanford (Gbr), Gorman (Usa) e Lindemann (Ger). Nell'ultima frazione, si rimescolano le posizioni delle azzurre con Alice Betto che cede diverse posizioni e viene sopravanzata da Anna Maria Mazzetti e Verena Steinhauser. Tutte e tre le azzurre chiudono tra le prime 20 con Mazzetti 16^, Steinhauser 19^ e Betto 20^.

“Sono piuttosto contenta della gara, ci voleva una prestazione di questo tipo dopo la prova di Bermuda in cui ero reduce da una caduta – dice Anna Maria Mazzetti  sono venuta a Yokohama senza niente da perdere e la gara si è rivelata dura. A nuoto e di corsa è stata davvero dura mentre in bici ho gestito bene. Nell'ultima frazione ho provato a farmi trascinare più possibile da Lindemann e Frintova che avevano un ottimo ritmo e sono riuscita a chiudere bene”.

"Direi che oggi è andata molto meglio delle ultime gare - spiega Verena Steinhauser - Benissimo il primo a giro a nuoto, purtroppo poi l‘ho pagato nella seconda metà e sono uscita un pò dietro. In bici abbiamo cercato di collaborare e non abbiamo perso quasi nulla. La corsa bene, in particolare l'ultimo giro in cui sono andata molto forte. Nel complesso, sono soddisfatta della mia gara visto che le sensazioni stanno migliorando, sono consapevole esperienze in gare come queste aiutano a migliorare volta per volta".

Nonostante un risultato che non corrisponde al mio valore al top della condizione, sono comunque soddisfatta per quello che sono riuscita a tirare fuori – racconta Alice Betto – Per pochissimo ho perso le primissime dopo il nuoto e dietro sono rimasta in un gruppetto con altre sei atlete: ho spinto molto in bici, non c’era grandissima collaborazione, questo mi ha portato a sprecare molte energie. Di corsa ho provato a tenere il gruppetto per 5 km poi la mancanza di chilometri nelle gambe di è fatta sentire. Gli ultimi 2 giri li ho portati a termine, ma le energie erano davvero terminate”.

 

GARA UOMINI. Dopo il tuffo, Luis, Van Riel e Schoeman prendono il comando delle operazioni. I tre sono i primi a presentarsi in T1 con Alessandro Fabian poco dietro, in 10^ posizione a 8 secondi dalla testa. Si forma un drappello di 12 elementi in testa alla gara tra cui figurano l'azzurro, Gomez, Coninx, Luis, Bicsak, Schoeman e Van Riel che dopo 10 km ha un distacco di 40 secondi sul gruppo principale. I fuggitivi viaggiano ad altissima velocità e continuano ad incrementare il vantaggio, ma purtroppo l'azzurro perde contatto dalla testa e viene riassorbito dal gruppone principale. Alla seconda transizione arrivano in 10 con una cinquantina di secondi di anticipo sul plotone principale. Dal gruppo di testa si avvantaggiano Luis, Gomez, Bicsak e Schoeman, dietro le posizioni si mischiano e le situazioni si capovolgono. La vittoria (e le medaglie) sono affare tra questi quattro: Luis prende il comando e accelera ad un chilometro dal traguardo, Gomez si stacca leggermente ed è tagliato fuori dalla lotta per i primi tre, poi il francese risponde ad un attacco del sudafricano e si invola verso il successo. Schoeman e Bicsak completano il podio, quarto Gomez, quinto Yee (Gbr), autore di una straripante terza frazione, sesto Alarza (Esp), poi Willian (Aus), Van Riel (Bel), Sissons (Nzl) e Ward (Nzl). Frazione di corsa sotto tono per Fabian che conclude in 43^ posizione. 

- seguono aggiornamenti -  

 

RISULTATI

RESOCONTO ITU

Zaferes leads a USA podium sweep in WTS Yokohama

First ever Yokohama victory for Vincent Luis

 

 NOTIZIE CORRELATE:

 

luis vittoria yokohama wts19

 

D60dyC1UcAEh1oh

arrivo uomini yokohama wts19

Foto ITU Media

IMG 2009

phoca thumb l tiziano ballabio fitri 3

190427 bermuda elitewomen web msj 012

IMG 1966

Foto Archivio