Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookies Policy Approvo

Mixed Relay Sviluppo: le novità in vista dei Tricolori di Duathlon Giovani di Cuneo

Dopo i riscontri positivi in occasione dei Campionati Italiani Giovanili di Triathlon di Lovadina di Spresiano, la staffetta Mixed Relay Sviluppo tornerà in occasione dei Campionati Italiani Giovanili di Duathlon in programma a Cuneo per il fine settimana dell’11-12 settembre con importanti novità.

“In occasione dei Campionati Italiani di Cuneo torna la formula della Mixed Relay Sviluppo che ha riscosso grande successo ai Tricolori di Lovadina - sottolinea Riccardo Giubilei, presidente della Federazione Italiana Triathlon - Dopo il confronto con la Commissione Giovani, i nostri responsabili dell’area tecnica, il coordinatore tecnico dell’attività giovanile Alberto Casadei, i responsabili di macro area e gli RGT, abbiamo inteso ampliare ancora di più la partecipazione proponendo una nuova formula che prevede 1 donna e 3 uomini per la staffetta Sviluppo. La Mixed Relay è una specialità che ci ha regalato grandi soddisfazioni qualche giorno fa a Tokyo 2020 in cui nostri giovani devono mettersi alla prova: questo è lo spirito con cui abbiamo deciso di dare l’opportunità a molti più ragazzi di partecipare”.

“Dopo l’importante esperienza di Lovadina, abbiamo deciso di riproporre la Mixed Relay Sviluppo anche a Cuneo con una nuova formula sperimentale 1+3, con la donna che partirà in prima frazione seguita dai tre staffettisti uomini - spiega Alberto Casadei, coordinatore tecnico attività giovanile - Visti i numeri e la distribuzione per genere riscontrati a Lovadina, riteniamo che in questa maniera la maggior parte degli atleti che faranno richiesta di partecipare alla Mixed Relay Sviluppo verranno accontentati. Dal punto di vista tecnico, poco cambierà: atleti che non avrebbero possibilità di gareggiare avranno così modo di mettersi in luce e di fare esperienza nel format a staffetta sperimentando le medesime dinamiche che riscontrerebbero nella formula olimpica”.

 

ISCRIZIONI Mixed Relay Sviluppo